TARANTO – Dall’inizio dell’anno si è registrato un aumento delle emissioni non convogliate nella cokeria dello stabilimento Ex Ilva, AlcelorMittal.

Rispetto all’anno scorso, non c’è da stare tranquilli, dal momento che nonostante le promesse, nulla ancora è stato fatto.

Il presidente di Peacelink Taranto, Alessandro Marescotti, afferma che i dati che lo dimostrano sono forniti dalla centralina Arpa-Ispra che possiamo leggere sul sito online di Arpa Puglia.

Sono indicati sette parametri che risultano tutti in aumento, tranne 1 che nel mese di marzo era sceso del 4%.

Purtroppo, i dati parlano chiaro; sei inquinanti dannosi alla salute sono in aumento rispetto al 2018.

Secondo quanto affermato dal Presidente dell’associazione ambientalista, sta avvenendo l’esatto contrario di quanto era stato promesso dal Governo.

L’8 settembre 2018, il Ministro Di Maio aveva annunciato che sarebbero state installate a Taranto delle tecnologie che avrebbero ridotto le emissioni inquinanti del 20%.

Fino a questo momento nulla è accaduto, anzi si sta continuando a compromettere l’ambiente e la salute delle persone.