GINOSA – Si trova in pericolo di vita un 56enne che ha ingerito assieme alla moglie e al proprio figlio dei funghi che aveva raccolto senza alcun controllo sanitario preventivo.

Sicuri che si trattasse di funghi commestibili, ma che in realtà erano il genere “Amanita Phalloides”, i funghi più velenosi esistenti in natura, li hanno raccolti nella gravina di Ginosa.

Ora la famiglia si trova ricoverata per le cure del caso; la moglie e il figlio dell’uomo sono assistiti dai sanitari dell‘Ospedale San Pio di Castellaneta, mentre l’uomo è gravissimo e si trova in rianimazione presso l’Ospedale SS. Annunziata di Taranto.