Nella giornata di ieri si è svolta l’udienza del processo “Impresa”, nell’aula bunker del Tribunale di Lecce. Questa volta a parlare sono stati i difensori degli imputati manduriani Pietro Pedone, Luciano Carpentiere e Oronzo Soloperto.

Sono stati difesi dagli avvocati Lorenzo Bullo, Franz Pesare e Armando Pasanisi per Carpentiere e Michele Fino.

Imputato anche il sindaco di Avetrana, Antonio Minò difeso da Nicola Marseglia.

E’ trascorso quasi un anno dall’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia leccese condotta dalla Polizia di Stato di Taranto che si concluse con 27 arresti e l’accusa a 47 indagati a vario titolo, che condizionavano le attività delle istituzioni locali, infiltrandosi nel  tessuto economico imprenditoriale dei territori di Manduria, Avetrana, Erchie, Sava e San Giorgio Jonico.

Si attendono con ansia i prossimi sviluppi con l’udienza che è stata rinviata all’11 di luglio.