TARANTO – 49enne responsabile di maltrattamento in famiglia e atti persecutori ai danni della propria ex moglie e dei figli minori.

La Polizia ha accertato che l’uomo maltrattava la donna e la obbligava a raccontargli con chi parlava al telefono e chi incontrava per strada. L’uomo cancellava dal suo computer i documenti di lavoro, insultava lei e i figli e impediva loro di studiare, di uscire e ricevere gli amici a casa. E ancora, manometteva loro il cellulare, impedendo di ricevere i dati relativi la scuola.

Questi comportamenti persecutori sono andati avanti anche quando la donna lo aveva lasciato.

Dopo tutti gli elementi raccolti, nei confronti del 49enne è stato emesso il provvedimento dal GIP Giuseppe Tommasino, su richiesta dei PM Antonella De Luca e Enrico Bruschi.

Il divieto è quello di avvicinamento sia alla ex moglie che ai figli minori e ai luoghi da esse frequentati (casa, scuola lavoro).