TARANTO – Ennesimo espianto multi organo grazie alla generosità di chi ha donato e alle capacità dell’equipe medica del nosocomio tarantino.

L’uomo che è deceduto, era stato colpito da una grave emorragia cerebrale e durante il suo ricovero presso il reparto di Anestesia e Rianimazione, durato oltre un mese, si trovava in coma profondo stabilizzato.

I sanitari stavano per trasferirlo in un’altra struttura ospedaliera, ma improvvisamente le sue condizioni sono peggiorate ed è sopraggiunto il decesso.

I suoi familiari hanno trasformato un momento di grande dolore per la perdita del loro congiunto di soli 65 anni, in un atto di estrema generosità e di speranza per chi riceverà fegato e reni. Gli organi andranno a Napoli e Bari.

Dopo la riunione del Collegio dei Medici che ha accertato il decesso e acquisito il consenso della famiglia, il dottor Pasquale Massimilla assieme ai dirigenti medici del reparto di Anestesia e Rianimazione, coadiuvati dal Primario, dottor Cacciapaglia, hanno avviato la procedura dell’espianto degli organi.

Si parla spesso di donazione e la Asl di Taranto ha avviato una Campagna di informazione e di sensibilizzazione che ha coinvolto le scuole del territorio, perché si può divenire donatori consapevolmente, senza lasciare l’onere ai congiunti di questa delicata decisione.