MANDURIA – Si tratta di 20 lavoratori della Cooperativa sociale Panacea di Bari che oramai da 2 mesi lavorano senza percepire stipendio. Per il Comune di Manduria svolgono il servizio di assistenza domiciliare nell’ambito territoriale n. 7.

I lavoratori si sentono soli perché gli organi istituzionali non hanno mostrato partecipazione nemmeno per verificare l’efficienza del servizio.

La Fp Cgil di Taranto chiede l’intervento sostitutivo per il pagamento degli stipendi.

Tiziana Ronsisvalle sottolinea l’importanza di questo servizio per il territorio, senza il quale molti anziani rischiano di trovarsi abbandonati a se stessi perché soli e senza possibilità di assistenza.

Il mancato pagamento degli stipendi non solo va a penalizzare i lavoratori che non sono in grado di mantenere la propria famiglia, ma questo mostra la mancanza di sensibilità, non mettendo al primo posto le esigenze delle fasce deboli, per le quali questo servizio è molto importante.

Molte persone anziane ne stanno beneficiando ancora, grazie alla infinita umanità degli operatori che nonostante la mancanza degli stipendi, continuano a svolgere il loro lavoro, mossi dal loro senso umano.

Per sollecitare una soluzione a questo problema molto grave, la Funzione Pubblica ha scritto ai vertici della cooperativa sociale, all’Ufficio del Piano Ambito Territoriale 7 e per conoscenza anche ai servizi ispettivi dell’Ispettorato territoriale del lavoro.

E’ stata chiesta alla sezione appaltante del Comune di Manduria, ente capofila di quell’ambito, l’applicazione delle procedure di intervento sostitutivo di cui all’articolo 30 comma 6 del D.L. 50 del 2016, per far si che i lavoratori ricevano le loro spettanze.

Non erogare gli stipendi a questi lavoratori che si occupano di sociale, offende la loro dignità, ma anche quella di molti anziani che sperano in una mano per poter andare avanti.