Poste Italiane Taranto: truffa da 300 mila euro sventata

Truffa da 300 mila euro ai danni di Poste Italiane sventata a Taranto

Donna di 100 anni, di Taranto, fa causa a Poste Italiane

TARANTO – Solo grazie all’intervento degli agenti della Squadra Mobile di Taranto la truffa alle poste italiane è stata bloccata. Due gli uomini fermati dagli agenti. Vediamo come sono andate le cose.

Truffa Poste Italiane a Taranto

Tutto nasce qualche giorno fa, quando la direttrice dell’ufficio postale locale ha avvisato la Polizia per la strana richiesta di due uomini. Infatti, nonno e nipote intendevano aprire un conto corrente sul quale trasferire 300 mila euro in contanti e titoli detenuti in una filiale in toscana.

I controlli della Squadra Mobile di Taranto, le fasi

Dopodiché gli agenti hanno iniziato degli approfonditi controlli attraverso appostamenti e fingendosi clienti dell’ufficio postale. Grazie a queste operazioni in incognito hanno riconosciuto il 70 enne presentatosi come nonno. Infatti si trattava di un pregiudicato già noto agli inquirenti per i seguenti reati: sostituzione di persona, accesso abusivo a sistema informatico, furto e ricettazione. Dopo alcuni giorni di pedinamenti, i poliziotti sono entrati alle poste e hanno arrestato lui e i suoi complici proprio mentre erano intenti a concludere le pratiche per l’apertura del conto corrente.

LEGGI ANCHE – Truffa Postepay online: due ragazzi di Taranto arrestati. I fatti

Arrestato quindi il 70 enne per possesso e fabbricazione di documenti falsi e in concorso per tentata truffa e sostituzione di persona. E’ andata meglio al giovane complice che si è visto accreditare una denuncia per tentata truffa e sostituzione di persona.