Sava: per la baby gang confermate le misure cautelari

Il Tribunale ha respinto tutti i ricorsi per i ragazzi che avrebbero vessato un anziano a Sava.

0
259
a Sava provvedimento nei confronti di 20 giovani

SAVA – Il Tribunale non ha accolto i ricorsi per scarcerare i giovani della baby gang che sarebbero stati protagonisti della vicenda di Sava.

In tutto, si parla di 20 misure cautelari, che coinvolgono 12 maggiorenni e 8 minorenni. Il Tribunale di Taranto ha accettato solo uno dei ricorsi per uno dei minorenni, che non sarà più agli arresti domiciliari. Conferme, invece, per tutte le altre misure cautelari.

L’accusa è che i giovani della baby gang avrebbero vessato un anziano di 61 anni, affetto a disturbi psichiatrici. I maggiorenni coinvolti, quindi, restano:

  • 5 in carcere;
  • 5 agli arresti domiciliari;
  • 2 con divieto di avvicinamento.

Mentre per i minorenni, ci sono 3 persone nel carcere minorile e 5 in comunità di recupero. Di questi 5, una non è più agli arresti domiciliari.

Baby gang: le accuse

Secondo le Forze dell’Ordine, i ragazzi della baby gang molestavano l’anziano, minacciandolo per soldi, oppure picchiandolo e vessandolo. L’uomo era solo in casa e affetto da problemi psichici, quindi non era in grado di difendersi.

Tutto questo sarebbe avvenuto per diversi anni a Sava. Ora i reati di cui rispondono sono: furto, rapina, estorsione, atti persecutori.

La vicenda ha fatto subito ricordare quella di Stano, un anziano ucciso da una baby gang lo scorso 23 aprile dopo anni di vessazioni a Manduria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui