Stroncata da un arresto cardiaco a soli 16 anni durante una festa di famiglia a Taranto

Un malore improvviso e poi la corsa all'ospedale, ma per la piccola Giada non c'è stato nulla da fare.

TARANTO – Si sono già tenuti i funerali della piccola Giada, la sedicenne deceduta di morte naturale a soli 16 anni.

Una giovane vita spezzata così prematuramente, durante una serata di festa assieme alla famiglia che si è trasformata in tragedia.

Si trovava in pizzeria, sulla litoranea salentina, assieme a mamma, papà e al fratellino, per trascorrere una serata in allegria, quando improvvisamente, mancano poco per le ore 23:00, Giada viene colta da malore.

Sopraggiungono o soccorsi, prima gli operatori del 118 che hanno fatto le prime manovre di rianimazione e poi è sopraggiunto un altro mezzo con medico a bordo che ha supportato l’équipe precedente.

Tutto è avvenuto sotto gli occhi increduli dei genitori e del fratellino, ma ad un certo momento si è accesa una speranza, quando il defibrillatore ha fatto ripartire il cuore.

La giovane 16enne è stata così trasportata con codice rosso al SS Annunziata di Taranto, ma nel tragitto il suo cuore si è fermato nuovamente, ma questo volta per sempre.

Dolore ed incredulità tra la gente che conosceva bene Giada e la sua famiglia. Oggi c’è stato l’ultimo saluto alla piccola Giada dalla sua famiglia e dall’intera comunità tarantina, che si stringe al dolore di questa grave perdita, un fiore ancora in boccio strappato all’affetto dei suoi cari.