Taranto: 8 indagati per la morte di un operaio nei pressi del fiume Tara

Il PM di Taranto dopo aver disposto il sequestro dell'area ha inviato un avviso di garanzia ad alcuni dirigenti dell'impresa e del comune.

Fiume Tara: storia e leggenda della sorgente benefica a pochi chilometri da Taranto

TARANTO – Aperta l’inchiesta per la morte di un operaio di 38 anni morto lungo gli argini del fiume Tara mentre si stava occupando dei lavori di manutenzione e bonifica del fiume. Al momento sono 8 gli indagati dalla Procura di Taranto.

Al momento, è necessario effettuare tutte le indagini per fare molta chiarezza sulle principali cause dell’incidente. Il PM di turno Francesco Ciardo ha disposto il sequestro dell’area e ha delegato alla Polizia di Stato e allo Spesal tutti gli accertamenti.

Dopo di ché, il magistrato ha inviato un avviso di garanzia alle 8 persone che sono finite sul registro degli indagati per la morte del 38enne, che secondo una prima analisi sarebbe dovuta all’inosservanza di alcune norme in campo di prevenzione e infortuni sul lavoro.

Si tratta di dirigenti tecnici dell’impresa e di alcuni tecnici del Comune. Gli inquirenti hanno fatto vari sopralluoghi per cercare degli elementi utili per la ricostruzione della dinamica della tragedia. L’esame autoptico potrà definire meglio cosa sia successo realmente sul Tara e se la morte dell’uomo potesse essere evitata.