Taranto: chiuso negozio etnico, dopo arresto pusher

Dopo l'arresto del giovane pusher, il Questore di Taranto, Bellassai ha disposto la chiusura del negozio alimentari etnico, con sospensione al commercio di 30 giorni.

riciclaggio auto

TARANTO – Dopo l’arresto del pusher nigeriano che vendeva Ritrovil, un’ansiolitico, avvenuto nel retro bottega di un alimentari a Taranto, è arrivato un provvedimento anche per il negozio.

Infatti, il negozio etnico gestito da nigeriani è stato chiuso dalla Polizia Amministrativa, con sospensione dell’attività per 30 giorni.

Il provvedimento emesso dal Questore di Taranto, Giuseppe Bellassai, è derivato proprio dall’arresto in flagranza di reato per il giovane pusher, fermato all’interno dell’attività.