Taranto: fermate 19 persone per ricettazione d’auto, riciclaggio ed estorsione

Le indagini preliminari hanno portato all'accusa di 19 soggetti tra Taranto, Brindisi e Lecce accusati di ricettazione di automobili, estorsione e riciclaggio.

Taranto: fermate 19 persone per ricettazione d'auto

TARANTO – Concluse le indagini preliminari che vedono coinvolti 19 soggetti che sono residenti tra le province di Taranto, Brindisi e Lecce. Le persone sono accusate di reati quali ricettazione d’auto, riciclaggio ed estorsione.

Le notifiche sono partite grazie all’attività investigativa svolta dalla Polizia Stradale di Taranto, che dopo la denuncia di un trasferimento di proprietà fraudolenta della propria vettura, ha dato il via alle indagini.

Indagini che hanno dimostrato l’esistenza di un gruppo atto ad attività delinquenziali che si occupava di: finte dichiarazioni di vendita, trasferimenti per la proprietà di veicoli rubati, e infine intestazione dei veicoli a terzi acquirenti che compravano invece l’auto in buona fede. 

L’organizzazione criminale era costituita da persone dedite a rubare i veicoli mediante varie ramificazioni sul territorio, estorcendo in alcuni casi anche le auto ai proprietari legittimi mediante un fenomeno criminale che prende il nome di “cavallo di ritorno”.

Le indagini hanno permesso di recuperare un gran numero di vetture che erano state trafugate e destinate alle operazioni per il riciclaggio di cui si occupavano a vario titolo i 19 accusati.