Taranto. Sequestrato appartamento adibito alla prostituzione

La Polizia ha rinvenuto un monitor collegato a una telecamera esterna che controllava l'ingresso dei clienti.

Taranto. Sequestrato appartamento adibito alla prostituzione
Foto di sv1ambo

Gli agenti del Commissariato Borgo ha proceduto a delle indagini per controllare l’attività di prostituzione.

Ha proceduto così all’esecuzione del decreto di perquisizione e sequestro, emesso dal Sost. Procuratore della Repubblica Dr.ssa Isceri, nei confronti di una cittadina cinese regolarmente domiciliata a Taranto.

Da tempo la Polizia aveva notato un anomalo via vai dall’appartamento in questione a qualunque ora del giorno.
I poliziotti hanno così fondato i loro sospetti; all’interno dello stabile si esercitava l’attività di prostituzione.
Dopo un corso d’indagini hanno appurato che i clienti giungevano d’avanti l’immobile ed effettuavano una telefonata che gli permetteva l’accesso all’androne e poi al piano superiore.

I poliziotti hanno fatto irruzione nell’appartamento e hanno trovato all’interno ciò che non ha lasciato alcun dubbio. Profumi, luci soffuse e tutto l’occorrente per l’attività illecita.

E’ stata sequestrata la somma di 1375 euro in contanti. Le donne all’interno dell’abitazione hanno confermato la loro attività. L’immobile, pertanto, è stato sequestrato.