Taranto, sparatoria al maneggio: fermato il responsabile

Il responsabile della sparatoria al maneggio a Lido Azzurro si è consegnato volontariamente, dopo che gli agenti di polizia avevano iniziato a cercarlo in quanto indiziato.

Taranto: sparatoria al maneggio. Responsabile si costituisce
Riconoscimento editoriale: barbacane / Shutterstock.com

TARANTO – Fermato il responsabile della sparatoria al maneggio a Lido Azzurro a Taranto.

La Questura di Taranto ha bloccato il pluripregiudicato 49enne, che all’inizio si è reso irreperibile e subito dopo il fatto criminoso, data l’intensa ricerca da parte degli agenti, si è prima nascosto, per poi decidere di presentarsi in modo volontario in compagnia dell’avvocato.

Secondo quanto scoperto dalle indagini, l’indagato aveva un cavallo presso il maneggio dove lavorava la vittima. Da qualche giorno, l’indagato cercava l’uomo, in quanto considerato “colpevole” di aver richiesto l’amicizia alla compagna. 

Ecco perché il 49enne pregiudicato ha aperto il fuoco contro il custode del maneggio sparandogli tre colpi a entrambe le gambe. Adesso l’uomo dopo la sua confessione è stato accusato di tentato omicidio aggravato e porto di arma illegale.