Asl Taranto: Di Lena “assunti infermieri esterni”

Di Lena contro l'Asl di Taranto sulla gestione risorse umane

asl taranto

TARANTO – Il consigliere dell’Unione dei Comuni Angelo Di Lena fa il punto della situazione che riguarda i lavoratori di Asl Taranto. Il verdetto è scottante per gli attuali dipendenti che aspettano ancora mensilità arretrate quando poi negli ultimi tempi la struttura ha assunto figure esterne per l’emergenza Covid.

Di Lena sull’Asl di Taranto

“Sto parlando degli Infermieri del settore pubblico che sono stati coinvolti in maniera massiccia nell’emergenza Covid-19.
In una situazione così drammatica, con senso di responsabilità, il personale infermieristico e i sanitari in genere si sono resi disponibili per offrire il servizio migliore.
Le risorse per corrispondere la maggiorazione vengono reperite da un fondo che non è infinito. Per l’emergenza Covid, per l’intera Puglia , il governo ha stanziato migliaia di euro da riconoscere per le prestazioni in più e la Regione per tutto il territorio avrebbe dovuto stanziare altri soldi .
Gli infermieri chiedono:
-in che modalità sono stati ripartiti tra l’Asl e il personale ?
-inoltre in contrattazione l’accordo firmato tra direzione sanitaria e sindacato era che dal 1 Gennaio 2021 fino al 31 luglio tutte le ore effettuate dal personale sanitario dipendente Asl dovevano essere erogate in regime di sedute aggiuntive, invece sono state pagate come straordinario che è stato anche tassato.
Oltre al grazie di tante persone che li chiamano eroi non hanno ricevuto niente.
Sicuramente non è un bel modo per ringraziare chi ha dato il massimo prodigandosi senza opporre alcuna resistenza e facendo i salti mortali per offrire il servizio migliore.
Lo ha fatto anche rischiando la salute, è un dato di fatto, perchè come evidenziano i dati sui contagi, i positivi sono molti di più tra i sanitari rispetto al resto della popolazione.
Sulla scorta del grido d’allarme dei nostri infermieri diventa ancora più sconcertante ed ingiusta la scelta del Direttore del Dipartimento di Prevenzione, dott.Michele Conversano che addirittura sceglie di nominare un medico in pensione presso l’Hub vaccinale attraverso una agenzia interinale spendendo ulteriori soldi pubblici per personale esterno , quando invece il personale dell’Asl stesso avanza ancora i soldi degli straordinari , che originariamente erano stati concessi sotto forma di regime di sedute aggiuntive.”

Nessuna polemica da sollevare

“Come ho già ribadito a suo tempo, qualche mese fa, non voglio assolutamente sollevare polemica alcuna sulla professionalità del medico in questione, al quale va tutta la mia stima, ma è doveroso e necessario fornire ai cittadini tutte le informazioni utili sulle scelte organizzative che ricadono direttamente sulla salute dei cittadini , sulla efficienza degli uffici preposti , ma soprattutto per una giustizia nei confronti dei nostri infermieri che tanto hanno fatto per il nostro bene .
Mi auguro di ricevere tempestive risposte in merito alla questione alquanto discriminatoria nei confronti del personale pubblico”. Così si conclude la nota diffusa alla stampa e ai cittadini da Di Lena.

LEGGI ANCHE – Il Tar Lecce ha dato ragione alla Asl Taranto che ha sospeso una infermiera no vax