Call center Covisian: la protesta Usb

La nuova proprietà delle aziende ex Teleperformance non avrebbe contattato i sindacati

0
199
call center
Riconoscimento editoriale: Pexels / Pixabay.com

TARANTO Call center ex Teleperformance: arriva dal sindacato Usb la notizia che dal 1° luglio la nuova azienda subentrerà, assumendo 200 operatori per lavorare in un call center.

L’Usb afferma di aver contattato Covisian per definire da subito un buon rapporto con la nuova proprietà e offrire un lavoro call center dignitoso per i lavoratori. Purtroppo, però, sembra che alle ripetute comunicazioni non ci sia risposta.

Almeno fino al 16 giugno, quando l’azienda farà una riunione con i sindacati. Peccato, però, che l’Usb denunci di non essere stata invitata all’incontro.

Per questo, il sindacato ha chiesto al ministero interessato a Roma di verificare le condizioni di call center lavoro da parte di Covisian. In più, ha chiesto di verificare se la procedura di passaggio tra un’azienda e l’altra si sia svolto regolarmente. Nel caso non ci siano novità o un cambio di passo, l’Usb conferma la possibilità di intervenire con regolari forme di sciopero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui