Cgil Taranto: niente gestioni commissariali dopo ArcelorMittal

Per Paolo Peluso, segretario della Cgil di Taranto, dopo ArcelorMittal non bisogna riaffidare la fabbrica a gestioni commissariate.

0
97
arcelormittal
Riconoscimento editoriale: Ralf Vetterle / Pixabay.com

TARANTO – La situazione è ancora molto agonizzante e peggiorerebbe se a Taranto ci fosse il riaffidamento della fabbrica a una gestione commissariale per diversi anni. Questa situazione non è accettabile per il segretario della Cgil di Taranto.

Certo la produzione dell’acciaio in Italia è necessaria per il sistema produttivo, manifatturiero e anche per l’economia nazionale. Nonostante ciò non si può pensare che per salvare la produzione gli operai e i cittadini di Taranto debbano continuare a subire i danni causati dal modello produttivo che tutti conosciamo bene, sia sulla salute dei lavoratori sia dei cittadini.

E adesso dopo che Mittal è andata via la gestione dell’acciaieria si è resa insanabile, nonostante la cessione fosse stata fatta a uno dei gruppi di produzione dell’acciaio più grandi al mondo.

In ogni caso, adesso attendiamo risposte concrete che possano trovare il giusto equilibrio tra salute, lavoro e ambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui