Confcommercio Taranto: Stati Generali in vista a novembre

Stati Generali in vista per Confcommercio Taranto

Confcommercio Taranto
Confcommercio Taranto

TARANTOConfcommercio Taranto annuncia gli Stati Generali in programma il prossimo 22 novembre nella città ionica. Parla il presidente provinciale Leonardo Giandrande che si concentra prima sulla situazione economica attuale e poi sul programma dell’evento molto atteso.

Confcommercio Taranto, le urgenze e necessità

I settori del commercio, del turismo, dei servizi e della cultura sono stati tra i più colpiti dalla crisi economica determinata dalla pandemia. Attualmente – commenta Leonardo Giangrande, presidente provinciale di Confcommercio – sebbene gli effetti più devastanti della crisi economica siano stati superati, permangono problematiche che incidono pesantemente sulla vita delle piccole e medie imprese. Per tale ragione le attività del Terziario guardano con particolare interesse al programma di riforme del Governo sui temi del lavoro, del fisco, del welfare, della previdenza; così come molte delle attese sono rivolte al  Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, dal quale ci si attende l’attivazione di  strumenti che portino ad un concreto cambio di passo”.

Il programma degli Stati Generali

“Non diversamente a livello territoriale, dove dalla politica e dai rappresentanti istituzionali; attendiamo risposte concrete su questioni che rappresentano la base di partenza per rilanciare l’economia di terziario. A tal fine il 22 novembre prossimo, in occasione degli Stati Generali di Confcommercio Taranto, nella prima parte della giornata, con i nostri ospiti faremo il punto su alcune delle grandi priorità che gravano sul nostro territorio: le politiche di prossimità e le strategie per favorire lo sviluppo e l’innovazione; le opportunità del PNRR sui territori; le politiche di rilancio del turismo; le politiche del lavoro per la valorizzazione del capitale umano; lo stato di avanzamento delle importanti opere” Così conclude le sue dichiarazioni Leonardo Giangrande.

LEGGI ANCHE – Confcommercio Martina Franca: “mercato merita giusto valore”