Ex Ilva Taranto: Fim Cisl, l’azienda va rilanciata

Ex Ilva Taranto: domani importante riunione in vista

Ex Ilva di Taranto
Ex Ilva di Taranto

TARANTO – Occorre rilanciare subito l‘ex Ilva di Taranto come dichiarano i responsabili di Fim Cisl attraverso una nota congiunta. La questione permane sempre dato che la condizione in cui versa lo stabilimento siderurgico ionico non è per niente delle migliori.

Fim Cisl Taranto: le impressioni

“Per la Fim Cisl questi due anni non possono tradursi in un semplice rinvio che lascia lavoratori e sito in una situazione instabile e grave dal punto di vista produttivo e occupazionale – dichiarano insieme Roberto Benaglia, segretario generale Fim Cisl e Valerio D’Alò, segretario nazionale Fim Cisl grazie a una nota congiunta diffusa alla stampa.

L’importante meeting

“Dalla riunione di dopodomani abbiamo bisogno di ripartire insieme su obiettivi chiari per presentarci il 22 giugno, all’incontro convocato al MiSE su nostra richiesta, con proposte concrete – proseguono -. Le cose che per noi vanno prioritariamente sbloccate riguardano innanzi tutto la realizzazione degli interventi finanziati e promessi dall’azienda per riportare alle piena efficienza e sicurezza gli impianti; la produzione va portata ai 5 milioni e 700 mila tonnellate che l’azienda aveva individuato per il 2022 ma che attualmente langue. Serve un’inversione di tendenza, da questo punto di vista, la produzione non è stata mai così bassa in questi anni, con l’aggravante che siamo anche in una fase in cui il mercato richiede acciaio a prezzi alti“.

Cosa grava sui lavoratori

“Va diminuito l’uso degli ammortizzatori sociali che oggi gravano su tanti lavoratori e va recuperato un accordo sindacale che governi questa vertenza migliorando le relazioni sindacali, oggi quest’ultime sono sotto ogni livello di accettabilità. Infine bisogna garantire stabilità al sistema degli appalti in termini di funzionamento e finanziamento e avere un piano che dia prospettive e certezze ai lavoratori in AS. E’ su questi temi che affronteremo la discussione unitaria a Taranto per rilanciare fortemente la nostra azione sindacale ed evitare che questi due anni di proroga siano due anni persi. Quello che è certo, se non ci sarà un cambiamento positivo nelle prossime settimane non accetteremo una situazione di stagnazione e temporeggiamento” dichiarano al termine della disquisizione Roberto Benaglia, segretario generale Fim Cisl e Valerio D’Alò, segretario nazionale Fim Cisl.

LEGGI ANCHE – Ex Ilva Taranto: Legambiente non risparmia le critiche