Licenziati operatori del 118 Taranto, lettera dei sindacati

Scatta il licenziamento per i lavoratori del 118 di Taranto. La lettera

Licenziati operatori del 118 Taranto

TARANTO – Sindacati sul piede di guerra per il licenziamento degli operatori del 118 di Taranto. Le sigle FP Cgil, Cisl FP e Uil FPL hanno diffuso una lettera a firma dei rispettivi segretari: Lorenzo Caldaralo, Massimo Ferri e Edoardo Messina.

Licenziamenti operatori 118 Taranto

Attraverso la missiva dicono “l’analoga iniziativa della quasi totalità delle Associazioni che gestiscono il servizio”, dal 31 ottobre 2021 andranno in cassa integrazione a zero ore i dipendenti che garantiscono il servizio 118 nel territorio di Taranto. Pur nella considerazione dell’irrituale procedura, il provvedimento formalizzato si apprende, lascerà la comunità ionica priva di un servizio sanitario essenziale ed esporrà, per l’ennesima volta, le famiglie degli operatori (dipendenti e volontari) che da anni attendono condizioni di lavoro normali, alle incertezze sul loro futuro”.

“Tutto accade alla vigilia, lunga e tormentata, dell’internalizzazione del servizio 118 con affidamento alla Sanità Service che dovrebbe dare finalmente stabilità a 384 operatori, restituendo loro la dignità negata negli anni da un sistema irrazionale, fatto di precarietà e sotto finanziato”, la denuncia sindacale.

LEGGI ANCHE – Taranto, ArcelorMittal: licenziato operaio per aver condiviso un post su “Svegliati Amore Mio

Manifestazione di protesta a Taranto

“La evidente gravità del provvedimento e le sue ricadute sul territorio richiedono l’assunzione di iniziative commisurate. Le scriventi OO.SS., richiedono con la presente ai destinatari in indirizzo per competenza, l’immediata convocazione di apposito incontro al fine di dirimere l’assurda vertenza che ci occupa. Tanto premesso, le Segreterie Territoriali di FP CGIL CISL Fp e Uil Fpl proclamano, contestualmente, lo stato di agitazione di tutti gli operatori del servizio e comunicano che giorno 28 ottobre 2021 dalle ore 9 alle 12 organizzeranno un sit in di protesta davanti alla sede della Asl in Viale Virgilio a Taranto”. Questa la conclusione del comunicato sindacale.