Stabilimento Leonardo Grottaglie: sciopero per avere risposte e certezze

Lo sciopero degli operai di Leonardo a Grottaglie si è tenuto per riuscire a ottenere risposte sul futuro. L'azienda ha risposto: presto 360 milioni per i siti nel mezzogiorno.

stabilimento leonardo grottaglie

GROTTAGLIE – I sindacati e i lavoratori dello stabilimento Leonardo Grottaglie hanno fatto due ore di sciopero nel piazzale antistante per avere risposte e certezze dall’azienda per quanto riguarda il comparto civile. 

La Fim, Uilm e Fiom, durante lo sciopero, hanno spiegato che: l’obiettivo è stato quello di richiamare l’attenzione sul comparto civile che a causa della pandemia ha subito un maggior disagio e segni di sofferenza.

Siamo a metà del 2021 e non possiamo assumerci il rischio di affrontare un prossimo anno con le stesse condizioni.

I lavoratori hanno bisogno di risposte sul futuro industriale dei siti pugliesi e campani che meritano una prospettiva migliore e diversa da quello dell’Ex Alenia. 

La Leonardo SpA dal canto suo esclude delle crisi occupazionali all’interno dello stabilimento di Grottaglie e sottolinea che: la forza lavoro è giovane quindi impossibilitata al fruire un prepensionamento. Inoltre, il sito di Grottaglie è il più recente realizzato ad altissima tecnologia. Questo porta i nostri programmi aziendali a prevedere attenzioni peculiari per questa realtà. 

L’amministrazione delegato di Leonardo SpA ha sottolineato che: nei prossimi quattro anni saranno investiti 360 milioni di euro per ammodernare i siti nel mezzogiorno.

In ogni caso, nonostante la crisi dovuta alla pandemia è previsto un nuovo programma che porti a studiare anche nuove soluzioni aziendali, pur proteggendo la proprietà intellettuale del Boeing.