Taranto. Referendum per l’aggregazione di Taranto e provincia nella regione Basilicata

Sono già state raccolte 533 firme e nei prossimi giorni in vari punti della città si continuerà a farlo.

0
448

E’ stata organizzata una raccolta firme con lo scopo di indire un Referendum che permetterà l’aggregazione di Taranto e Provincia nella Regione Basilicata.

Coloro che desiderano partecipare alla raccolta firme dovranno esibire il proprio documento di riconoscimento in corso di validità. Questo è obbligatorio al fine dell’autentica della firma da parte del Presidente del Comitato.

Per maggiori informazioni si può visitare il Blog su Facebook – Taranto in Basilicata- in modo  da poter controllare tutti gli aggiornamenti in  tempo reale.

Lo scopo di questo progetto è quello di contribuire allo sviluppo della città di Taranto.

L’aggregazione di Taranto alla Basilicata può portare una serie di benefici economici davvero enormi che aiutano i nostri figli ad avere maggiori possibilità di studiare e di inserimento nel mondo del lavoro, senza essere costretti ad allontanarsi dalla famiglia di origine.

Sono tantissimi i vantaggi che il territorio può trarre, come la fluidità dei collegamenti sia per via mare che per via terra; inoltre più Università, un più efficiente servizio sanitario e la realizzazione di vari progetti e lo sviluppo del settore economico, culturale e del turismo.

Si comunica di seguito il prossimo calendario (giorni, orari e luoghi) in cui stazionerà il banchetto per la raccolta firme:

GIOVEDI’ 02 AGOSTO 2018 – DALLE ORE 18.30 ALLE 23.30 – TARANTO – VIA D’AQUINO ADIACENZE CAFFE ITALIANO;
VENERDI’ 03 AGOSTO 2018 – DALLE ORE 18.30 ALLE 23.45 – GROTTAGLIE (TA) PIAZZA PRINCIPE DI PIEMONTE;
SABATO 04 AGOSTO 2018
PRIMO APPUNTAMENTO: DALLE ORE 09.30 ALLE 13.30:
TARANTO – VIA PRINCIPE AMEDEO INGRESSO PIAZZA FADINI;
SECONDO APPUNTAMENTO: DALLE ORE 18.30 ALLE 23.30:
PALAGIANELLO (TA) – PIAZZA GIOVANNI PAOLO II /VIA ROMA;
DOMENICA 05 AGOSTO 2018 DALLE ORE 18.30 ALLE 23.45 – LATERZA (TA) – PIAZZA VITTORIO EMANUELE;
LUNEDI’ 06 AGOSTO 2018 DALLE ORE 18.30 ALLE 23.45 – LATERZA (TA) – PIAZZA VITTORIO EMANUELE.

NOTE DEL REFERENTE DEL COMITATO MARESCIALLO M.M. RIS. GAETANO LEUCCI:

E’ necessario per la firma, portare un documento di riconoscimento in corso di validità: Patente/Passaporto/Carta d’identità. Si precisa che l’essere sprovvisto del documento preclude la possibilità di apporre la propria firma, poiché le firme dovranno essere autenticate dal Presidente del Comitato.
E’ possibile visitare il BLOG su facebook: Taranto in Basilicata per avere contezza di qualsiasi aggiornamento/modifica degli appuntamenti o per verificare video esplicativi afferenti la raccolta firme per il Referendum.
QUESTO E’ UN PROGETTO ECONOMICO PER TARANTO, APOLITICO E APARTITICO PER LO SVILUPPO DELLA NOSTRA BELLA CITTA’ CHE SE VOGLIAMO PUO’ CAMBIARE! IL PROGETTO STA PER REALIZZARSI. IL FUTURO DI TARANTO E TUTTA LA PROVINCIA E’ NELLE NOSTRE MANI. I NOSTRI FIGLI ED I NOSTRI NIPOTI DEVONO AVERE L’OPPORTUNITA’ DI STUDIARE E LAVORARE VICINI AI LORO AFFETTI E NON EMIGRARE IN ALTRE CITTA’ COME AVVIENE ADESSO!!!

Vicinissimi al traguardo delle 15.000 (quindicimila) firme, questo il quorum necessario per poi indire il Referendum per l’aggregazione di Taranto e Provincia nella Regione Basilicata.

Mancano circa due mesi alla fine della raccolta firme, i cittadini di Taranto e provincia devono comprendere l’importanza di aderire al progetto, in quanto laddove si raggiungesse il quorum delle 15.000 firme previste, si indirebbe il Referendum per l’aggregazione di Taranto e provincia nella Regione Basilicata, che porterebbe ad avere una serie di benefici economici per lo sviluppo di tutto il territorio Ionico. In buona sostanza i motivi sono molteplici e si traducono in indiscutibili vantaggi per il nostro territorio ionico che si elencano di seguito:

RIVISITAZIONE DELLA TRATTA FERROVIARIA TARANTO – POTENZA-SALERNO E DEI COLLEGAMENTI NEL TERRITORIO IONICO-LUCANO-CALABRESE;
ACCADEMIA NAVALE MERCANTILE DELLA BASILICATA, CON SEDE A TARANTO;
CREAZIONE DELLA SUPERSTRADA STATALE TARANTO-MATERA (COME DA PROGETTO);
LA FACOLTA’ DI MEDICINA, DI INGEGNERIA AMBIENTALE E LA FACOLTA’ DELLE POLITICHE AGRICOLE (COMPRESA MITICOLTURA E PESCICOLTURA O PISCICOLTURA, CHE DIR SI VOGLIA);
PROGETTO PARCO ARCHEOLOGICO DELLA MAGNA GRECIA, COME DA DISEGNO DI LEGGE.
50% DEI CONSIGLIERI REGIONALI E AUMENTO DEI RAPPRESENTANTI PARLAMENTARI
SERVIZIO SANITARIO MIGLIORE (oggi a Matera la risonanza magnetica si fa nel giro di pochi giorni dalla prenotazione). Incremento posti letto in Ospedale e possibile riapertura degli Ospedali di Grottaglie e Massafra. La gestione della sanità si riverserebbe su tre città (Taranto, Potenza e Matera), e non come adesso su sei, (Bari, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto e B.A.T.);
PORTO E AEROPORTO DI TARANTO COME UNICHE STRUTTURE DI TALE TIPO IN BASILICATA, CON TARANTO ESPOSTA AL CENTRO DEL MEDITERRANEO, E CON CONSEGUENTI BENEFICI COMMERCIALI E DI TRASPORTO TURISTICO – TARANTO, POTENZA E MATERA SEDI PER GLI SCAMBI CULTURALI E COMMERCIALI CON I PAESI DEL MEDITERRANEO;
SVILUPPO ECONOMICO, TURISTICO E CULTURALE DEL CORRIDOIO IONICO-LUCANO E CALABRESE (ANCHE NELLA PARTE ORIENTALE DELLA PROVINCIA DI TARANTO);
ZONA ZES (zona economica speciale) DA IMPLEMENTARE;
RIDUZIONE DEL COSTO DELLA BENZINA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TARANTO E RIVISITAZIONE PROGETTO TEMPA ROSSA;
TARANTO CITTA’ METROPOLITANA, CON TUTTI I BENEFICI ECONOMICI E FINANZIARI PER L’INTERA BASILICATA – E PER LA CITTA’ STESSA – (POTENZA E MATERA NON HANNO I REQUISITI DEMOGRAFICI PER DIVENTARE CITTA’ METROPOLITANA) – Con Taranto Città Metropolitana non si ha l’obbligo di rispettare il PATTO DI STABILITA’;
STAZIONE DI TARANTO – SNODO STRATEGICO PER ANDARE IN CALABRIA O VERSO L’ADRIATICO E NEL SALENTO, NONCHE’ SNODO STRATEGICO PER PORTARE I TURISTI PROVENIENTI CON IL TRENO AD ALTA VELOCITA’ O CON ALISCAFI – DAL LITORALE LUCANO E DAL NORD DELLA CALABRIA – DENTRO L’AEROPORTO DI GROTTAGLIE, DOVE POTRA’ ESSERE CREATO LO SNODO FERROVIARIO DELLA STESSA TRATTA TARANTO-GROTTAGLIE.- IL “TRENO” STA PASSANDO ……..PER NOI TARANTINI E STA A NOI SALIRCI SOPRA PER NON PERDERLO, IL FUTURO DI TARANTO E’ NELLE NOSTRE MANI, TENENDO PRESENTE CHE ANCHE LA BASILICATA NON PUO’ PERDERE QUESTO IMPORTANTE TRENO. OGGI CHIAMARCI PUGLIESI O LUCANI PUO’ NON SIGNIFICARE MOLTO AL COSPETTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO CHE SI AVREBBE.-

FIRMATO: Maresciallo M.M. (ris) Gaetano LEUCCI Referente del Presidente del Comitato Taranto Futura Avvocato Nicola RUSSO.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui