USB Taranto: confermato sciopero il 21 maggio

L'USB va avanti con l'organizzazione dello sciopero, non essendoci degli sviluppi sul licenziamento dell'operaio, accusato ingiustamente dell'incidente di Pasquetta.

arcelormittal usb taranto
Riconoscimento editoriale: Ufficio Stampa Usb Taranto. Foto di circostanza

TARANTO – USB Taranto ha confermato lo sciopero per il 21 maggio per i lavoratori dell’Ex Ilva. L’USB ha sottolineato: non essendoci ancora degli sviluppi per ciò che riguarda il licenziamento del dipendente che operava nella CCO2, si continuerà con la strada intrapresa senza indietreggiare.

USB, infatti, rifiuta in modo categorico la scorretta e cattiva consuetudine di addossare le mancate responsabilità degli interventi di manutenzione sugli impianti agli operai.

Inoltre, la mancata manutenzione porta gli impianti a mal funzionare mettendo in pericolo gli operai. Quando gli operai riescono a salvarsi –sottolinea USB– non riportando delle serie conseguenze sembrano poi dover pagare per questo, con accuse ingiuste. 

Tutto ciò, secondo il sindacato, è inaccettabile. Bisogna garantire un ambiente di lavoro sereno e sicuro, nel quale non dev’esserci timore di dire ciò che succede, ma una condivisione dell’attività lavorativa nel rispetto della vita e della persona.