Home Notizie Green Mare di Taranto plastic free: l’iniziativa green sabato 15 maggio

Mare di Taranto plastic free: l’iniziativa green sabato 15 maggio

Liberare il mare di Taranto dai rifiuti e dalla plastica: questo l’obiettivo dell’iniziativa green che avrà luogo sabato 15 maggio dalle ore 10:00.

mare di taranto plastic free

TARANTO – A inizio giugno Taranto ospiterà la seconda tappa del SailGP e c’è grande fermento in città. Nel frattempo, sabato 15 maggio e condizioni meteo permettendo, a partire dalle ore 10 nella città jonica andranno in scena tante piccole azioni green, mirate a liberare il mare di Taranto dalla plastica e dai rifiuti. L’iniziativa, che fa parte del programma Inspire, è partita dai campioni junior di Ondabuena, ma è stata accolta positivamente e attivamente anche da KiteSurf Taranto, Yogi4Nature e dalla Jonian Dolphin Conservation. Il rispetto dell’ecosistema marino resta infatti una delle priorità principali del programma Inspire, fanno sapere da Ondabuena, club di supporto al SailGP.

Mare di Taranto plastic free: coinvolta anche l’amministrazione locale

Coinvolti nel progetto anche i rappresentanti dell’amministrazione locale, come il vicesindaco Fabiano Marti, l’assessore allo sviluppo economico Fabrizio Manzulli, il presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli e Diego Tomat della Capitaneria di Porto Guardia Costiera di Taranto. Cosa fare per aiutare il mare, si chiede l’assessore Manzulli. “È possibile rendere sostenibili alcune abitudini quotidiane, oppure pulire attivamente e in prima persona i nostri litorali”. Anche perché “l’emergenza dell’inquinamento marino riguarda tutti” e anche il Mar Mediterraneo è a rischio, essendo “la sesta area di accumulo di rifiuti nel mondo”, pur occupando solamente l’1% della superficie globale di mari e oceani.

L’azione consapevole è ribadita anche da Diego Tomat, per il quale “oltre alla campagna #plasticfreeGC – Guardia Costiera le donne e gli uomini della Guardia Costiera sono costantemente impegnati nelle azioni di controllo finalizzate a tutelare l’ambietne marino e costiero”. Infine Kyma Ambiente, per voce di Mancarelli, esprime il proprio coinvolgimento tramite un contributo importante legato al recupero dei rifiuti spiaggiati.

Exit mobile version