Home Notizie Green La Tari aumenta a Grottaglie, ma il salasso è stato scongiurato: parla...

La Tari aumenta a Grottaglie, ma il salasso è stato scongiurato: parla il sindaco

Il sindaco di Grottaglie Ciro D’Alò ha detto che la Tari è aumentata a Grottaglie per determinati motivi, ma il salasso è stato scongiurato.

Imu Tasi e Tari

GROTTAGLIE – Il sindaco di Grottaglie Ciro D’Alò ha parlato della Tari e dell’aumento previsto, affermando al contempo che il salasso è stato scongiurato grazie ai comportamenti virtuosi. Il primo cittadino ha spiegato che gli aumenti della tassa sui rifiuti “non dipende dalla volontà dell’amministrazione comunale”, bensì le aliquote vengono “determinate solo dai costi di gestione, che devono essere per legge interamente coperti dalle bollette pagate da tutti noi cittadini”. Il sindaco prosegue affermando che da due anni “il piano economico finanziario della Tari viene approvato dall’autorità nazionale Arera”, che regola le tariffe su acqua, luce, gas e rifiuti “sulla base di un calcolo standard in tutta Italia e si basa su costi regionali che in Puglia sono altissimi in quanto gli impianti di smaltimento rifiuti sono gestiti tutti da aziende private”.

Aumenti inevitabili

Ci sono stati aumenti inevitabili quest’anno, ma sono dovuti solo ed esclusivamente “all’aumento dei costi di conferimento in discarica”. Avrebbero potuto esserci degli aumenti ulteriormente ingenti, ma questi sono stati scongiurati grazie alla estensione della raccolta differenziata in tutta la città, con un raggiungimento del 74%. “La buona percentuale di raccolta differenziata ha diminuito la quantità di rifiuti indifferenziati, ma il risparmio è stato abbattuto dal consistente aumento del costo di conferimento”. Il sindaco ha citato anche “il puntuale controllo da parte degli assessori che si sono avvicendati in questi anni”, che ha permesso di “risparmiare circa 70 mila euro per servizi ancora non resi da parte della ditta”.

Fototrappole attive e prime identificazioni

Per aumentare la qualità della raccolta differenziata e punire i cittadini che non rispettano le regole, sono state già attivate le prime fototrappole e si sta procedendo all’identificazione dei trasgressori. A brevissimo, inoltre, è previsto il lancio di una nuova campagna di comunicazione per incentivare la raccolta differenziata.

Exit mobile version