Sono arrivati a Taranto gli studenti stranieri Erasmus: il programma

Sono approdati a Taranto gli studenti stranieri del progetto Erasmus e ci resteranno fino al 12 novembre. Il programma e le iniziative.

erasmus taranto

TARANTO – I sedici studenti e i 10 docenti accompagnatori del progetto Erasmus sono arrivati a Taranto e per loro è già iniziato il programma di iniziative previsto, che li affiancherà fino al 12 novembre. Gli studenti sono ospiti dell’Istituto Comprensivo Renato Moro di Taranto, ma diverse saranno le iniziative che li vedranno protagonisti. La finalità riguarda lo scambio culturale nell’ambito del Progetto “Toys Stories: Portraits of Children and their Toys Around Europe”.

Progetto Erasmus: studenti stranieri a Taranto, il programma

Il primo appuntamento è stato alle ore 16 di lunedì 8 novembre, all’istituto Leonida di via Lazio, con un benvenuto in 10 lingue differenti. Gli studenti, infatti, arrivano da diversi Paesi europei, tra cui la Grecia, il Portogallo, la Bulgaria e la Polonia. Il saluto di benvenuto è stato inaugurato con l’inno europeo, ma non mancheranno appuntamenti culturali e folkloristici relativi al territorio.

Nella mattinata di martedì 9 novembre studenti e docenti si sono recati a Palazzo di Città, accolti dalle rappresentanze dell’amministrazione comunale, tra cui l’assessore alla Pubblica Istruzione Deborah Cinquepalmi. Molto interessante il programma di mercoledì 10 novembre, giorno in cui la delegazione straniera visiterà tutti i plessi dell’IC, per poi assistere a uno spettacolo musicale curato dall’orchestra ArchiTA. Nel pomeriggio l’inevitabile visita al MarTa chiuderà la giornata.

Si proseguirà dunque nella mattinata di giovedì 11 novembre, con un’escursione in barca sulle motonavi di Amat-Kyma Mobilità, e con tour al Castello Aragonese. Il percorso di scoperta turistica proseguirà anche nel pomeriggio con la visita ad Alberobello, Martina Franca e Valle d’Itria. Venerdì 12 novembre, infine, sarà la volta dei tornei sportivi che vedranno partecipare studenti italiani e stranieri, quindi il ritorno a casa.