Martina Franca. Condanne e rinvii a giudizio sponsorizzazioni fasulle

Requisitoria del pubblico ministero. Undici imputati hanno scelto riti alternativi, mentre in 42 rischiano il processo.

E’ stata posta al vaglio del gup, la vicende che riguarda due associazioni dilettantistiche sportive di Martina Franca e Ostuni.

Oggi c’è stata la requisitoria del pubblico ministero; undici imputati hanno scelto riti alternativi, mentre in 42 rischiano il processo.
Il processo vede sotto accusa 55 persone per il caso delle false sponsorizzazioni siglate da associazioni sportive dilettantistiche per mascherare l’evasione delle imposte.

Per la 27enne Veronica Scatigna il pubblico ministero dott. Enrico Bruschi ha chiesto una condanna a 2 anni e 4 mesi per reati di associazione a delinquere e di indebita utilizzazione di carte di credito.
Per il 43enne Francesco Scialpi, sono stati proposti 1 anno, 4 mesi e 20 giorni.
Invece, per il 55enne Vitantonio Lerario, 8 mesi, con pena sospesa.
L’unico che potrebbe esser sollevato dalle imputazioni è il 57enne Valerio Laera, mentre altri 7 inquisiti hanno ottenuto di poter patteggiare la pena.