Stangata IMU a Taranto mette a dura prova i contribuenti
Fonte web: wikimedia commons di Berthold Werner

TARANTO – Ci sono delle novità poco confortanti per i proprietari di secondi immobili perché arriva una nuova stangata IMU.

La maggior parte di questi immobili, per la città di Taranto, sono uffici, botteghe, negozi e laboratori artigianali chiusi da diversi anni a causa della crisi economica.

Di conseguenza, dover pagare un’imposta per qualcosa che non fornisce nessuna remunerazione economica, va ad incidere ulteriormente sulla situazione economica precaria di ciascuna famiglia.

Un tempo, le attività commerciali e artigianali erano floride e i cittadini vivevano decorosamente, ma oggi le cose sono cambiate.

Per questo motivo, Giampaolo Vietri, Consigliere Comunale di Taranto, ritiene che l’amministrazione comunale torni indietro sui suoi passi e riduca l’aliquota.

Sostiene che, invece che tartassare i cittadini con questi tributi così onerosi, può recuperare le entrate applicando sanzioni a chi non rispetta le regole di convivenza civile e tagliando le spese della giunta comunale.