Home Notizie Politica Comune di Taranto: giunta a lavoro la scorsa settimana

Comune di Taranto: giunta a lavoro la scorsa settimana

Giunta di Taranto a lavoro anche in settimana per i cittadini

Paolo Castronovi e Rinaldo Melucci della giunta di Taranto
Paolo Castronovi e Rinaldo Melucci della giunta di Taranto

Prosegue il lavoro incessante della giunta ionica guidata da Rinaldo Melucci che lavora incessantemente.

Il stadio di Taranto

“La giunta Melucci ha approvato lo schema di convenzione tra il Comune e la società sportiva “Taranto Football Club 1927” per l’utilizzo dello stadio “Erasmo Iacovone”. Anche per la stagione calcistica 2022/2023, quindi, l’impianto del rione Salinella sarà il tempio del Taranto. «Un rapporto inscindibile – il commento del sindaco Rinaldo Melucci – tra i colori della città e lo stadio, che sarà sempre casa del Taranto e della passione dei nostri tifosi, ma per il quale abbiamo immaginato anche un futuro ricco di innovazioni». «Il Taranto ha conseguito un risultato eccezionale confermando la sua presenza in serie C – le parole dell’assessore allo Sport Gianni Azzaro – per questo siamo consapevoli di dover offrire il nostro contributo affinché la squadra possa affrontare favorevolmente la prossima stagione».

Le biotecnologie

“Un soggetto capace di promuovere una cultura industriale competitiva e sostenibile, lontana dalla monocultura siderurgica e ispirata alle innovazioni provenienti dai settori della biomedicina, bioingegneria e biotecnologia. Sarà tutto questo, e altro ancora, la fondazione I-Pole, emanazione dell’amministrazione Melucci che punta a creare un ambiente favorevole di scambio e incontro tra aziende, professionalità e istituzioni, collegato al nascente dipartimento di Medicina. Il primo passo verso la sua costituzione è stato compiuto nei giorni scorsi con l’atto di indirizzo approvato in giunta. «Crediamo nelle potenzialità di questi settori – le parole del sindaco Rinaldo Melucci – crediamo che da quelle innovazioni passi anche il percorso di riqualificazione e rigenerazione del territorio. Pensiamo alla transizione, genericamente intesa, come a un’occasione per migliorare la vita di tutti e forme di partenariato pubblico-privato come le fondazioni sono uno strumento utile a realizzare questo risultato. Inviteremo le istituzioni sanitarie, universitarie e regionali ad aderire alla fondazione, che sarà solo il primo di diversi soggetti che abbiamo intenzione di creare affinché ogni comparto di sviluppo, alternativo e sostenibile rispetto al modello economico attuale, possa progredire».

La convenzione

“Molto presto sarà possibile richiedere certificati anagrafici all’edicolante di fiducia o al proprio tabaccaio. Si tratta di una novità che sarà introdotta grazie alla convenzione che l’amministrazione Melucci sottoscriverà con gli organismi di categoria, frutto di un lavoro iniziato più di un anno fa, durante il primo mandato. «Rendiamo i nostri servizi anagrafici più accessibili – le parole del sindaco Rinaldo Melucci – garantendo a edicole e tabaccherie di poter offrire un ulteriore vantaggio ai loro clienti. Questi esercizi sono spesso dei presidi, riferimenti territoriali preziosi per una fetta importante della popolazione: in questo modo ne valorizziamo la funzione, ottenendo vantaggi diffusi. Anche questo significa fare innovazione – il commento dell’assessore allo Sviluppo Economico Fabrizio Manzulli – perché semplifichiamo un servizio, rendendolo capillare. Dopo aver allargato il ventaglio dei servizi digitali del nostro sito, ci rivolgiamo anche a una parte della popolazione meno avvezza all’uso di quegli strumenti, alleggerendo però il lavoro degli sportelli comunali e, di conseguenza, le attese degli utenti».

Il bando pubblico

“Dall’abbattimento delle barriere architettoniche alla domotica. Sono alcune delle innovazioni che sarà possibili finanziare con il bando che l’amministrazione Melucci ha recentemente pubblicato (https://bit.ly/3vGqn3H), nell’ambito del piano operativo regionale per il “Dopo di noi”. Il percorso di indipendenza per le persone con disabilità grave, quindi, potrà contare su un’ampia dotazione regionale: ben 8 milioni di euro saranno destinati a questo scopo attraverso la procedura che ha coinvolto l’assessorato comunale ai Servizi Sociali, guidato da Luana Riso. «L’idea di intervenire in maniera decisa verso questa prospettiva – ha commentato il sindaco Rinaldo Melucci – era tra i principi fondanti del nostro programma elettorale. Grazie al lavoro svolto dai Servizi Sociali, dall’ufficio di Piano dell’Ambito Territoriale, dal coordinamento degli enti del terzo settore, facciamo un primo, significativo passo. La qualità della vita di tutti i nostri concittadini è il faro che guida tutte le nostre scelte amministrative, avendo l’innovazione come sfida ulteriore». Si tratta di un bando sperimentale che si propone di mettere in campo nuove soluzioni per le persone con disabilità grave, prive del sostegno familiare, tutelate dalla Legge 112/2016, in modo da consentire loro di poter fruire di sistemazioni alloggiative, dalle caratteristiche conformi alla normativa vigente, con aiuti economici per gli oneri di acquisto, di locazione, di ristrutturazione e di messa in opera degli impianti e delle attrezzature. «L’avviso ha lo scopo sia di individuare i potenziali beneficiari – ha aggiunto l’assessore Riso – per i quali avviare un percorso di vita indipendente, sia reperire la disponibilità di immobili e abitazioni che hanno le caratteristiche di “casa famiglia”, dove ospitare le persone con disabilità grave, nell’attuazione di questo tipo di percorsi. Trattandosi di un bando innovativo, al suo primo tentativo di attuazione a Taranto calendarizzeremo, già per la prima settimana di settembre, un incontro con associazioni e famiglie interessate».

La mitilicoltura

“Riprende il lavoro del tavolo “mitilicoltura”, cabina di regia su uno dei settori più identitari per l’economia cittadina, che l’amministrazione Melucci ha insediato durante il primo mandato. Alla presenza del prefetto Demetrio Martino (nella sua ulteriore veste di commissario alle bonifiche per il Mar Piccolo), delle organizzazioni di categoria, dei produttori e di Arpa, Cnr e Asl, il sindaco Rinaldo Melucci e l’assessore allo Sviluppo Economico Fabrizio Manzulli sono ripartiti da quanto fatto dalla struttura commissariale in questi mesi. Nello specifico, sono stati presentati tre progetti che mirano al monitoraggio degli inquinanti nei mitili e alla bonifica dei fondali, che hanno già validazione e copertura finanziaria e che potrebbero, ove i risultati fossero positivi, incidere favorevolmente sul lavoro dei produttori e sulla qualità del prodotto. «Una prima valutazione positiva che sento di fare – le parole del sindaco – è che stiamo uscendo dalla fase degli studi, per entrare in quella più pratica degli interventi. L’amministrazione ha già mostrato quale importanza rivesta il settore nell’idea futura di città, tanto da aver candidato ai fondi del Jtf un progetto innovativo sui punti di sbarco, con risorse erogabili nella primavera 2023, che si intreccia con il “piano delle coste” che abbiamo già adottato in giunta. Nel frattempo, però, serve metter mano a una serie di questioni che richiedono massima attenzione, come i canoni concessori e gli effetti dell’ordinanza regionale 171 del 2012». Su quest’ultima, potrebbe avere un impatto positivo proprio uno degli studi presentati, che mirerebbe ad allungare la permanenza delle cozze in Mar Piccolo fino all’inizio dell’estate, e non fino a febbraio come recita l’ordinanza, accorciando anche il tempo di decontaminazione dagli inquinanti a due settimane (da un mese e mezzo).”

«Questo tavolo – ha aggiunto Manzulli – è un tavolo di sistema che si reinsedia in maniera permanente, dove affronteremo tutte le questioni che riguardano la filiera, dalle opportunità di sviluppo ai problemi occupazionali, fino a tutto quel che riguarda leggi e regolamenti di riferimento». Un approccio che ha trovato il sostanziale accoglimento delle parti interessate, confermando come negli ultimi anni il rapporto tra amministrazione e mitilicoltura sia cambiato profondamente. «Dobbiamo ribadire in ogni sede che la situazione del comparto tarantino è eccezionale – ha concluso il primo cittadino – e per questo motivo anche le restrizioni normative devono essere riviste. Ora il settore ha un alleato, l’amministrazione, e altre istituzioni che stanno lavorando affinché possa esprimere tutte le sue potenzialità. Per questo dico agli operatori che non è il momento di mollare: tenete duro e magari, molto presto, ci ritroveremo a parlare di come promuovere ovunque le nostre cozze». Il tavolo ha approvato all’unanimità, senza riserve, i tre progetti del commissario. Tornerà a riunirsi a settembre, dopo l’audizione con il Governo di Comune e commissario per le bonifiche.”

La medicina d’urgenza

“Con il dottor Mario Balzanelli, presidente della “Società Italiana Sistema 118”, l’amministrazione Melucci ha avviato un percorso ambizioso e innovativo. «Insieme con l’assessore ai Servizi Sociali Luana Riso – le parole del sindaco Rinaldo Melucci – abbiamo ripreso il lavoro sul protocollo d’intesa firmato lo scorso anno, legato al progetto “Sanitary Emergency Air Mobility” che, grazie all’utilizzo di droni, consentirà di portare un defibrillatore praticamente ovunque. Puntiamo a fare di Taranto un riferimento anche per la medicina d’urgenza, grazie all’esperienza e alla professionalità di figure come quella del dottor Balzanelli, con il quale abbiamo in animo di realizzare molte altre iniziative».

LEGGI ANCHE – Taranto: la giunta comunale parla della città ionica

Exit mobile version