Home Notizie Politica Manduria: Consulta delle Associazioni, parla l’assessore

Manduria: Consulta delle Associazioni, parla l’assessore

Parla l'assessore De Marco a Manduria

spiaggia libera

MANDURIA – Il testo corretto del regolamento sulla consulta delle associazioni è stato inviato nuovamente ai consiglieri comunali lo scorso 25 marzo. Questo è quanto emerge da un comunicato dell’Assessore De Marco che ci tiene a precisare diversi aspetti della vicenda a Manduria.

Manduria: testo ai consiglieri comunali

“Il testo del regolamento, stilato sulla base della Legge sulla partecipazione della Regione Puglia – scrive l’assessore De Marco in una sua nota – è stato portato in ordine del giorno, correttamente unitamente agli altri punti 5 gg prima del consiglio comunale ed è stato altresì emendato in Commissione Cultura in data 22 marzo 2022 ai punti 3 e 12 su proposta del consigliere e capogruppo dei Progressisti, Domenico Sammarco, emendamenti apportati parola per parola e licenziato alla unanimità in commissione”. Il testo corretto è stato reinviato ai Consiglieri comunali in data 25 marzo 2022.

Tutto rinviato alla prossima seduta

“Orbene – chiarisce l’assessore – in consiglio comunale, la minoranza, proprio su eccezione del consigliere Sammarco, ha invocato il tardivo invio del testo ai sensi dell’art. 35 del regolamento del consiglio comunale che richiede 5 giorni liberi per consentire “la riflessione dei consiglieri”. Il punto è stato quindi rinviato alla prossima seduta di consiglio , poiché, come rimarca la De Marco, “lungi da noi non rispettare le regole”, mentre si chiede “se, per questioni meramente formali, non di merito o politiche, si possa sempre impedire il progresso della comunità”. In sostanza, l’assessore si chiede perché far attendere oltre le associazioni che richiedono una sede istituzionale di incontro, quando proprio le forze di minoranza continuano ad invocare una maggiore partecipazione. Altra domanda che si pone la De Marco “se un’eccessiva burocrazia non sia poi una foglia di fico dietro cui nascondersi per poter sempre procrastinare le risposte alla comunità”.

L’assessore spiega le criticità

“La cosa più grave – si legge ancora nella nota – è che le eccezioni vengono da una forza politica rappresentata dal consigliere Domenico Sammarco i cui emendamenti sono stati compiutamente recepiti, forza che nel cui programma elettore ( al punto 4 capoverso 2 ) prevedeva la approvazione di simile regolamento e le cui forze politiche di sostegno sono proprio quelle che promulgano in ogni dove le snellezza della partecipazione popolare”. Per concludere l’assessore De Marco ribatte “facciamo cadere la foglia di fico: c’è chi vuole bene alla comunità e chi no; ripresenteremo il regolamento al prossimo consiglio così tutti rifletteranno bene e “lì si parrà la loro nobilitate”. Queste le sue parole.

LEGGI ANCHE – Manduria: individuato piromane dalla Polizia

Exit mobile version