Manduria. Scontro tra De Donno e Morgante e ognuno si prende i meriti

Relativamente all'assegnazione degli alloggi popolari, botta e risposta tra l'ex assessore  comunale e il Consigliere regionale.

Manduria. Scontro tra De Donno e Morgante e ognuno si prende i meriti
foto di Arbalete

L’ex assessore comunale Gianluigi De Donno afferma che l’interessamento di Morgante per gli 8 alloggi popolari è una bufala.

“Chi ha fatto parte dell’amministrazione sciolta per mafia farebbe bene a stare zitto” risponde Morgante.

Così si accende la sfida tra i due politici manduriani che si accusano reciprocamente e valorizzano il proprio operato riguardo i nuovi investimenti a Manduria da parte dell’Arca Jonica, ex Iacp.

Lo scontro tra i due è iniziato a causa del comunicato stampa diffuso dal consigliere regionale che annunciava di essere riuscito a dirottare su Manduria circa 250mila euro di fondi regionali per l’edilizia popolare, altrimenti destinati ad altri comuni.

De Donno replica:

“Avendo fatto l’assessore all’urbanistica fino a dicembre 2015, posso affermare che Il Comune ha concesso l’area all Iacp già nel 2010, con delibera di commissario prefettizio, l’area è stata presa in consegna quello stesso anno per i saggi archeologici; il progetto per gli 8 alloggi – prosegue la nota – ha ricevuto il parere favorevole dell’UTC a gennaio 2016. Se qualcuno deve prendersi i meriti, è solo l’amministrazione Massafra“.