Parco Terra Delle Gravine di Catellaneta occorre valorizzare il patrimonio
Fonte web: Wikipedia di Pietro D'Ambrosio,

CASTELLANETA – Si chiede l’intervento della Regione per la tutela e la salvaguardia del patrimonio rappresentato dalle Chiese Rupestri.

Il consigliere del M5S Marco Galante ha depositato un’interrogazione rivolta all’Assessore alla Pianificazione Territoriale Pisicchio relativa alla gestione del Parco regionale “Terra delle Gravine”.

Nella nota sottolinea il fatto che a distanza di un anno, la Legge Regionale del 2017 che modifica la legge istitutiva del Parco, risulta ancora inapplicata in diverse parti.

E’ previsto, infatti, che la gestione del Parco sia affidata a un Consorzio costituito dagli enti locali interessati, ma ad oggi però il Consorzio non è ancora stato istituito.

Per questo motivo, il consigliere del M5S ha chiesto all’assessore di incontrare i Comuni con un apposito Tavolo a cui parteciperebbero i sindaci delle zone interessate.

Altro punto da prendere in considerazione è la definizione della perimetrazione dei confini del Parco.

La proposta del Comune di Castellaneta, potrebbe escludere alcune aree che ospitano specie animali e vegetali tutelate da apposite Direttive Comunitarie.

Galante ritiene che la Regione deve fare in modo di garantire che nei confini dell’area protetta vengano comprese tutte zone che vanno sottoposte a tutela secondo le disposizioni europee, nazionali e regionali.

Aggiunge, inoltre, che è necessario individuare gli strumenti utili alla valorizzazione del patrimonio che è rappresentato dalle chiese rupestri che si trovano nel territorio del Parco per garantirne la conservazione e messa in sicurezza.  Sottolinea quanto una zona tra le più belle al mondo dal punto di vista paesaggistico, meriti di essere promossa.