A Taranto arrivano gli autobus ibridi per ridurre l’inquinamento ambientale

24 autobus sostituiranno quelli che non rispondono ai requisiti richiesti dall'Unione europea.

0
188
24 Autobus a Taranto contro l'inquinamento ambientale

TARANTO – Con un finanziamento, a partire dall’autunno 2020, la città beneficerà di nuovi autobus che abbatteranno i gas di scarico in evidenza.

Arriveranno 24 autobus nuovi che saranno ad alimentazione elettrica e gasolio e faranno parte del parco mezzi dell’azienda Amat.

L’azienda trasporti Amat spa è stata ammessa a un finanziamento per un importo pari a 7.992.458 euro. In questi giorni, l’assessorato regionale ai Trasporti sta sottoscrivendo le convenzioni con ciascuno dei Comuni destinatari delle risorse.

68 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Puglia per i nuovi autobus

Le società dei trasporti pubblici potranno liberarsi degli autobus che non sono più adeguati ai livelli qualitativi richiesti dall’Unione europea.

L’Amat acquisterà gli autobus a bassa emissione inquinante.  Con avviso pubblico regionale denominato “Smart Go City”, ha ottenuto il finanziamento. La stessa azienda fa sapere che i nuovi mezzi sono dotati delle tecnologie che riducono i gas di scarico velenosi.

A Taranto e in tutte le altre città pugliesi ammesse a finanziamento, saranno così eliminati dalla circolazione i bus Euro 0-1-2 per ridurre le emissioni di carbonio.

Nuove linee BRT per ridurre il traffico motorizzato

Paolo Castronovi, assessore alle società Partecipate afferma: “L’acquisto dei mezzi ibridi a Taranto trova corrispondenza tra l’altro in uno degli elementi costitutivi del Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums), già approvato in Consiglio comunale, che ha tra gli obiettivi la riduzione in maniera significativa del traffico motorizzato nelle aree centrali della città mediante la realizzazione di due linee di “bus rapid transit” (BRT). A Taranto, i bus ibridi entreranno in esercizio nell’autunno del 2020”.

Amat precisa che: “Questo tipo di mezzi riduce le emissioni rispetto alla normativa, pur avendo emissioni superiori ai mezzi elettrici, ma può essere messo in linea senza ulteriori e costosi investimenti. Gli ibridi, inoltre, hanno un maggior livello di efficienza, rispetto a diesel e metano, e minori emissioni nell’utilizzo in ambito urbano, caratterizzato da frequenti accelerazioni e da variabilità nei regimi di giri del motore”.