Home Notizie Politica Taranto: Di Gregorio (PD) “commissario non è sindaco”

Taranto: Di Gregorio (PD) “commissario non è sindaco”

Vincenzo Di Gregorio del PD parla di Taranto e del commissario prefettizio

Taranto
Taranto

TARANTO – Il Pd interviene su Taranto col consigliere regionale Vincenzo Di Gregorio che dopo la conferenza stampa di presentazione del commissario Vincenzo Cardellicchio, fa alcune precisazioni.

Di Gregorio su Taranto

“Il Comune di Taranto è ora guidato dal commissario prefettizio Vincenzo Cardelicchio e dai subcommissari Maria Luisa Ruocco e Michele Albertini. A loro auguro buon lavoro per il bene di Taranto e della sua comunità”. Queste le recenti parole di Vincenzo Di Gregorio, consigliere regionale del Partito democratico.

“Incontrando i giornalisti il prefetto Cardellicchio ha pronunciato una frase che deve farci riflettere sul senso di quanto accaduto nei giorni scorsi: “Il migliore dei commissari – ha detto – non sarà mai bravo come un sindaco perché non ha la carica emotiva che gli viene dal consenso”. Cardellicchio – spiega l’esponente del Pd – con una frase ha spiegato perfettamente la differenza tra l’operato di un sindaco e il compito di un commissario. A noi era già chiaro, ma evidentemente non lo è agli artefici dello scioglimento del Consiglio comunale di Taranto. C’è qualcuno, infatti, che tenta disperatamente di dare un senso ad un’operazione pericolosa per i cittadini di Taranto e per il loro futuro. Anche il presidente Emiliano intervenendo a Taranto al fianco del sindaco Melucci, ha detto chiaramente che un commissario prefettizio è cosa diversa da un sindaco eletto dai cittadini. Ma come si dice: non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”.

Commissario non potrà esprimersi

“La verità e che da qui a quando sarà eletto il nuovo sindaco, Taranto nei tavoli in cui si programma il futuro non potrà esprimere la sua vision, non potrà farsi portavoce delle istanze del territorio, non potrà far valere le ragioni delle parti economiche e sociali – è l’opinione di Di Gregorio -. Taranto a quei tavoli di confronto sarà sicuramente ben rappresentata dalla struttura commissariale, ma non ci sarà alcun sindaco pronto a difendere la sua comunità.”

LEGGI ANCHE – Taranto: nominato il commissario prefettizio, chi è

“Ecco la differenza. Ex Ilva, Pnrr, transizione ecologica, infrastrutture, programmazione di grandi eventi sportivi e culturali, sono solo alcuni dei temi cruciali per Taranto che saranno affrontati nei prossimi mesi. Il commissario farà ottimamente la sua parte, ma ricordiamocelo: il migliore dei commissari non sarà mai bravo come un sindaco. Buona fortuna Taranto”. Si chiude con un buon auspicio per il futuro la nota diffusa alla stampa da parte del consigliere regionale in quota Partito Democratico.

Exit mobile version