Taranto: Vietri ancora contro Rinaldo Melucci

Rinaldo Melucci attaccato da Vietri

Rinaldo Melucci, sindaco di Taranto
Rinaldo Melucci, sindaco di Taranto

TARANTO – Il consigliere Vietri di Forza Italia si schiera nuovamente contro Rinaldo Melucci e la sua giunta, ecco il comunicato del politico.

Taranto, atto vessatorio di Melucci

“Un altro atto vessatorio dell’amministrazione Melucci si abbatte sulle tasche dei tarantini. Infatti, anche nelle ore pomeridiane dalle 13:30 alle 16:30 si pagherà il parcheggio a pagamento in tutta la città di Taranto nelle strisce blu e, come se non bastasse, saranno istituite nuove aree di sosta a pagamento in Corso Italia, Viale Virgilio, Viale Magna Grecia, Via Medaglie d’Oro, Via Minniti, Via Flacco, Via Plateja, a Porta Napoli e a Piazza Castello: senza che in queste nuove aree sia previsto un pass gratuito o un abbonamento a tariffa ridotta per i residenti.”

LEGGI ANCHE – Taranto: manifestazione a sostegno di Rinaldo Melucci

Poi “Tutto ciò grazie all’amministrazione Melucci e alle decisioni che la stessa ha assunto con le delibere di giunta approvate il due aprile e il quattro novembre di quest’anno. Scelte assurde che vessano i tarantini rendendo maggiormente disagevole e dispendiosa la vita quotidiana e che non apportano nessun reale miglioramento alla mobilità: anzi, creeranno un danno al commercio visto che in questi ultimi due anni, soprattutto in centro, sono stati ridotti i posti auto senza che ne siano stati recuperati degli altri.”

Il problema dei parcheggi

Infine “Così facendo, visto che tra l’altro occorre compiere diversi giri prima di trovare un posto libero, non si farà altro che indurre i tarantini a preferire i centri commerciali e poi torneremo a lamentarci e a parlare della desertificazione commerciale che investe diverse vie della città. Aumentare la fascia oraria e le zone a pagamento è un’altra decisione dell’amministrazione Melucci che fortemente abbiamo combattuto e anche per questo, quindi, siamo convinti di aver fatto la cosa giusta a mandare il sindaco a casa.”