Home Notizie Sanità Un giovane su tre si ammala di cancro per l’inquinamento: l’allarme del...

Un giovane su tre si ammala di cancro per l’inquinamento: l’allarme del prof. Cecinati

Il direttore di Oncoematologia pediatrica all’ospedale SS Annunziata di Taranto lancia l’allarme: “Un giovane su 3 si ammala di cancro per colpa dell’inquinamento”.

tamburi inquinamento Peacelink Taranto

TARANTO – Il direttore di Oncoematologia Pediatrica Nadia Toffa dell’ospedale SS Annunziata di Taranto, il professor Valerio Cecinati, ha lanciato un preoccupante allarme durante la manifestazione Stop al sacrificio di Taranto promossa lo scorso fine settimana dall’associazione Genitori Tarantini. Il prof. Cecinati ha infatti affermato che un giovane su tre si ammala di cancro per colpa dell’inquinamento. “Non dobbiamo dimenticare che ancora un ragazzo su tre, un bambino su tre, si ammala di cancro per l’inquinamento. In un Paese civile dovremmo piantarla una volta per tutte”.

L’allarme del dottor Valerio Cecinati

Cecinati ha informato che il suo reparto accoglie bambini appena nati e ragazzi fino ai 25 anni di età. “Al momento il più piccolo dei pazienti ha cinque mesi e il più grande ha venticinque anni, con delle malattie. Molte delle mamme presenti sanno cosa significa, che poi interrompono la vita quotidiana e causano difficoltà nelle famiglie per il lavoro. È importante riuscire a fare in modo che loro possano essere vicini a casa e che possano avere le cure più adeguate, anche se restano in questa città.

Il commento dell’associazione Genitori Tarantini

L’associazione Genitori Tarantini ha voluto commentare le parole del prof. Cecinati, ringraziandolo per la sua testimonianza. “È dura per tutti: per i bambini, per i loro genitori e parenti, per Taranto e i tarantini. La sofferenza viene in parte mitigata proprio dall’appassionato lavoro del dott. Valerio Cecinati e di tutti i suoi collaboratori, angeli di gentilezza e abnegazione totale. Si combatte anche per una giustizia sanitaria che tarda ad arrivare, a Taranto”.

Exit mobile version