Taranto: dal Governo nessuna risposta dopo l’accusa dei dati nascosti sui 600 bambini malformati

La notizia ha raggiunto la superficie dopo che il ministro Costa ha deciso di disporre nuovamente il riesame dell'Aia. E adesso si attende una risposta dal Governo, che stenta ad arrivare.

0
436

TARANTO – Dopo le parole del leader dei verdi Bonelli sui dati “nascosti” dal Governo che facevano riferimento ai 600 bambini malformati nati a Taranto tra il 2002 e il 2015.

Continua il silenzio da parte del Governo e dei rappresentati dei pentastellati, che secondo Bonelli, starebbero facendo la stessa cosa avvenuta anni fa con il ministro dell’ambiente Clini.

Il dato estratto dalla Valutazione del Danno Sanitario a Taranto e inserito all’interno dell’indagine epidemiologica lascia esterrefatti.

Ma perché questa notizia non è stata resa pubblica dal Governo alla presentazione del rapporto ossia nel 2018? Bonelli proprio in attesa di una risposta a questa domanda afferma: se fossimo in un altro paese in Europa questo sarebbe stato considerato uno scandalo, che avrebbe portato alle dimissioni dei membri del governo.

E infine, chiude chiedendo: perché il Governo adesso, si trincerà dietro un silenzio indecente?

Al momento, non sono arrivati nuovi aggiornamenti dalle cariche governative, quindi si rimane in attesa di una possibile risposta.