Premio “Teatro Scuola Cultura Palma Cito”: è on line il bando

Un'importante esperienza formativa pensata per i ragazzi servirà a ricordare e rendere omaggio alla professoressa Palma Cito

0
116
Palma Cito, Massafra

MASSAFRA – Torna puntuale come ogni anno l’appuntamento con il premio “Teatro Scuola Cultura Palma Cito“. Quella targata 2019 è l’undicesima edizione dell’iniziativa dedicata ai giovani promossa dal Teatro delle Forche nell’ambito del progetto P.A.S.S.I. insieme a: FIDAPA sezione di Massafra, associazione “Il Serraglio“, associazione “La Finestra“, I.I.S.S. “De Ruggieri“, Lions Club e Leo Club Massafra Mottola “Le Cripte“, parrocchia San Leopoldo, Rotary Club e Rotaract Club Massafra, UPGI, Comune di Massafra, Kikau, biblioteca comunale “Paolo Catucci“, associazione “Helios” e Centro Culturale di Ricerca e Formazione con il patrocinio del Teatro Pubblico Pugliese.

Il premio consiste in una borsa di studio collettiva che sarà assegnata a dodici giovani residenti in Puglia di età compresa tra i 16 e i 25 anni. I ragazzi interessati potranno avere l’opportunità di partecipare al laboratorio teatrale finanziato dalla borsa di studio messa a bando.

È già disponibile online il bando di concorso con i dettagli del progetto. ed il modulo È possibile scaricare sia il bando che la domanda di partecipazione consultando il sito internet del “Teatro delle Forchewww.teatrodelleforche.com. La domanda di partecipazione dovrà essere consegnata entro e non oltre le 18 dell’11 ottobre prossimo. La selezione sarà a cura dei membri del Comitato “Premio Teatro Scuola Cultura Palma Cito” e della compagnia.

Il laboratorio teatrale intensivo per attori in formazione e aspiranti attori, a cui avranno accesso gratuito i giovani vincitori del bando, sarà condotto da Luigi De Angelis, regista di nazionalità belga e italiana della compagnia ravennate Fanny & Alexander, e Andrea Argentieri, attore romagnolo.

Ritratti mimetici“, questo il titolo del laboratorio, si terrà dal 21 al 24 ottobre prossimo e sarà ospitato dal teatro comunale “Nicola Resta” che accoglierà i ragazzi dalle 11 alle 19:30. Proprio al comunale andrà il scena l’esito finale del laboratorio, una dimostrazione di quanto appreso dai partecipanti che allestendo uno spettacolo avranno modo di confrontarsi con il pubblico.

«Fanny & Alexander – fanno sapere gli organizzatori – utilizza una particolare tecnica di ricerca teatrale basata su remote acting, ovvero una sorta di eterodirezione che l’attore si autoproduce quando, venendo in contatto con materiali video, registrazioni vocali di un determinato personaggio, sperimenta un imprinting capace di restituire l’essenza e la necessità di una testimonianza che s’incarni nel corpo dell’attore come in una sorta di modello – impronta. Questo sarà l’oggetto della ricerca durante l’attraversamento in residenza che praticheranno Andrea Argentieri e Luigi De Angelis.

Gli stessi hanno già avuto modo di sperimentare questa tecnica a proposito della performances su Primo Levi, dunque su materiali audio video recuperati presso le teche della Rai, questa volta la ricerca si spingerà più in là, affrontando personaggi vivi, veri e reali che gli stessi incontreranno durante la loro permanenza sul territorio.

I giovani partecipanti al laboratorio comporranno una collana di ritratti, i cui protagonisti saranno i parenti più prossimi dei partecipanti.»

Il premio verrà simbolicamente assegnato domenica 20 ottobre, in occasione dello spettacolo “Se questo è Levi” della compagnia Fanny & Alexander, con Andrea Argentieri, regia Luigi De Angelis, che andrà in scena nell’ambito della stagione di teatro contemporaneo 2019/20 “Légami“, in prima regionale. Per ulteriori informazioni è possibile contattare i recapiti telefonici 099 8801932 / 349 7291060.

Ricordiamo che il premio “Teatro Scuola Cultura Palma Cito” nasce nel giugno 2009. Dopo la scomparsa della professoressa Palma Cito, per volontà degli amici e delle associazioni di cui la docente faceva parte si diede vita alla prima edizione del premio con l’intento di legare al nome della professoressa un evento che evidenziasse le sue doti di persona impegnata nella società, sempre al massimo ed oltre le sue possibilità, sul posto di lavoro, con i suoi ragazzi, con la sua cultura e con la sua passione per il teatro.

Il premio Palma Cito coniuga dunque passato e futuro offrendo un’importante opportunità formativa ai giovani nel ricordo di una docente appassionata di teatro che per loro si è spesa nel corso di tutta la sua carriera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui