TARANTO – Presto sorgerà una scuola calcio educativa che accoglierà 30 bambini della Città Vecchia. Il progetto sportivo è voluto da Zanetti, l’ex capitano dell’Inter.

E’ avvenuto in questi giorni un incontro in Cattedrale a cui hanno partecipato moltissimi ragazzi della Città Vecchia che avranno una grossa possibilità di poter realizzare la loro passione calcistica.

Il progetto è voluto dalla Fondazione P.U.P.I di Javier Zanetti e sua moglie Paula. L’obiettivo è quello di “Operare nel settore della protezione integrale dei diritti dei bambini e degli adolescenti dei settori sociali più vulnerabili”. L’iniziativa è voluta in collaborazione con Sport4Taranto e l’ASD Taranto Vecchia dell’oratorio di San Giuseppe.

L’ex capitano dell’Inter ha avuto a Taranto un’accoglienza trionfale e ha dichiarato:
“Sono stato coinvolto in questa iniziativa da un vostro concittadino, mio caro amico (il professor Ruta dell’Università Bocconi di Milano), che mi ha sempre parlato bene di questa affascinante città che è Taranto che so essere attanagliata da tanti problemi. La mia Fondazione dal 2001 si è occupa in Argentina dei bambini cercando attraverso lo sport di poter dare un futuro roseo alle nuove generazioni. Il 2001, come sapete, è stato un anno difficile per l’Argentina nel quale si è toccato il fondo e noi nel nostro piccolo abbiamo cercato di dare, attraverso il calcio, una speranza ai nostri giovani. Questa esperienza la vogliamo ripetere a Taranto contando sulla collaborazione di tutti coloro che vorranno essere con noi e che si vorranno fare portavoce di questa iniziativa. Abbiamo bisogno di tutti perché da soli non possiamo far niente, se ci uniamo tutti assieme possiamo fare tante belle cose. Ringrazio Taranto per tutto questo grande entusiasmo e spero di poter dare a questi ragazzi, assieme a tutti gli istruttori, degli insegnamenti che possano tornare utili nella loro vita prima come uomini che come calciatori”.

Zanetti ha sottolineato l’importanza della scuola per un bambino e ha affermato:
“Ragazzi giocate a calcio, divertitevi, ma studiate, non abbandonate la scuola. Io ho avuto un’infanzia difficile, giocavo a calcio, aiutavo mio papà muratore e studiavo. Mio padre una volta me lo disse senza tanti giri di parole: -noi crediamo nei tuoi sogni ma prima devi andare a scuola-”.

Nella Cattedrale di San Cataldo, il parroco Monsignor Emanuele Ferro ha detto:
“La città vecchia rappresenta il cuore di Taranto , l’orgoglio di questa città. Noi oggi vogliamo lanciare un messaggio positivo in un momento difficile per tutta la nostra comunità, un messaggio per i nostri giovani che rappresentano una risorsa, la nostra possibilità di riscatto sociale”.