Home Notizie Sport Taranto torna in Serie C: grande festa in città

Taranto torna in Serie C: grande festa in città

Il Taranto ha vinto 3 a 2 contro il Lavello in trasferta: 3 punti che significano ritorno in Serie C. I tifosi in delirio dopo una gara molto intensa e decisasi solo all’82° minuto.

Taranto in Serie C
Riconoscimento editorale: Facebook /@tarantofc1927

TARANTO – Il Picerno non avrebbe mai mollato un centimetro e infatti ha vinto facilmente contro il Gravina (4 a 1). Il Taranto doveva assolutamente vincere per non veder sfumato un sogno così inseguito, in un campionato in cui i rossoblù non erano stati dati per favoriti. La gara in trasferta contro il Lavello è stata difficile, intensa e molto emozionante, considerando che si è deciso solo all’82° minuto, con un gol di Antonio Santarpia. La partita è finita 3 a 2, il risultato che ci voleva per conquistare la vetta del Girone H di Serie D e salire direttamente in Serie C.

Taranto in C: festa dei tifosi in città

L’ultima promozione del Taranto Calcio in Serie C avvenne nel 2016, ma fu conquistata grazie a un ripescaggio. L’ultima promozione sul campo avvenne invece nella stagione 2005/2006. La promozione di quest’anno ha fatto esplodere di gioia un’intera città: al fischio finale i tifosi si sono riversati per le strade sventolando bandiere e suonando i clacson a bordo delle loro auto, culminando a piazza Ebalia dove sono continuati i festeggiamenti. Felicissimo anche il sindaco della città Rinaldo Melucci, che ha ricordato come per lo sport rossoblù sia stato un anno indimenticabile.

Il commento di Laterza

“Ringrazio davvero tutti”, ha detto l’allenatore del Taranto Giuseppe Laterza. “La società mi ha sempre dato la possibilità di lavorare al meglio e ho avuto la fortuna di gestire uno spogliatoio di uomini veri che mi hanno fatto sentire subito il profumo dell’impresa. È stato un successo costruito da lontano. Ora è tempo di gioire. Dedico questa promozione alla mia famiglia, ai miei figli, alla società, ai ragazzi, ai dirigenti, ai tifosi e a tutti i tarantini”.

Exit mobile version