La procura di Taranto ha aperto una inchiesta sul decesso di una 62enne dipendente civile dell’Arsenale della Marina militare.

Emilia Amandonico, morta il 19 febbraio nel reparto di Ematologia dell‘ospedale Moscati di Taranto era stata ricoverata a causa di una leucemia, ma morì nel giro di poco per un’infezione da klebsiella, batterio che si contrae negli ambienti ospedalieri.

Il pm Raffaele Graziano ha già disposto il sequestro della cartella clinica, delegando le indagini ai carabinieri del Reparto operativo provinciale.

Nelle prossime ore, nominerà un perito medico legale che dovrà stabilire anche eventuali negligenze.
La famiglia è assistita dall’avvocato Francesco Paolo Sisto del foro di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui