Home Notizie Tecnologia Taranto e Confindustria: alta tecnologia per produzione di idrogeno

Taranto e Confindustria: alta tecnologia per produzione di idrogeno

La Puglia vuole diventare un punto di riferimento per l’idrogeno verde e parimenti Taranto: incontro con Confindustria per parlare di alta tecnologia. Il comunicato.

Confindustria Puglia

TARANTO – C’è stato un incontro in videoconferenza tra il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, la presidente della sezione Chimica, Energia e Ambiente di Confindustria Stefania Fornaro e una delegazione di aziende associate. Melucci ha accolto favorevolmente la volontà espressa dalla rappresentanza confindustriale di collaborare con l’amministrazione alla transizione economica, ecologica ed energetica di Taranto, come si legge in un apposito comunicato stampa. Le imprese hanno intenzione di mettere a disposizione idee, progetti e il proprio know how, in particolar modo sulla sperimentazione delle tecnologie finalizzate alla produzione di idrogeno nel territorio tarantino.

Confindustria e Taranto insieme per la produzione di idrogeno

Per il primo cittadino di Taranto, “in un territorio dove le ingiurie alla matrice ambientale sono così pesanti, le indicazioni che arrivano da aziende e professionisti di questo settore sono ancora più preziose”. Si guarda ovviamente alle risorse del Next Generation EU, le quali “potrebbe essere investite anche nel progetto di un centro di alta tecnologia per la produzione dell’idrogeno”. Ed è proprio questo il punto chiave che accomuna l’amministrazione comunale e la collaborazione con la rappresentanza confindustriale. I progetti sono comunque molteplici, mirati tutti allo sviluppo dell’alta tecnologia e alla riqualificazione ambientale.

Le parole dell’assessore Castronovi

Per l’assessore Paolo Castronovi, “la volontà espressa da queste imprese è un’opportunità da cogliere alla luce degli obiettivi previsti dal piano di transizione Ecosistema Taranto. Sono traguardi che devono vederci insieme, pubblico e privato, affinché la svolta globale rappresentata dai 17 goals dell’Agenda 2030 dell’Onu sia un patrimonio condiviso”.

Exit mobile version