Agenzia regionale della protezione civile, la novità in Puglia

La nuova agenzia regionale della protezione civile in Puglia approvata dalla Giunta di Michele Emiliano

0
93
Prrotezione civile, Taranto

PUGLIA – Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano dà il via alla nuova agenzia regionale della protezione civile Arpro in Puglia. In pratica, si è deciso di dare il via ad uno schema di legge per attivare l’agenzia regionale Arpro. L’obiettivo è potenziare il sistema regionale, in modo tale da dare un supporto operativo in caso di problemi. Questo soggetto avrà una struttura snella, agile e una strutturazione giuridica proprio tipica delle forme di agenzia. È un ente della regione che lavora in supporto, svolgendo delle funzioni operative che richiamano quelle della protezione civile.

I compiti della nuova agenzia regionale di Protezione Civile

La nuova agenzia regionale di protezione civile Arpro, ha come obiettivo quello di cercare di dare importanza all’attività operativa. L’agenzia dovrà concentrarsi sulla centrale unica del 112 con delle misure dirette ad aumentare il livello di sicurezza dei cittadini. Si occuperà delle migrazioni, dell’ accoglienza, della formazione, dell’integrazione, dell’assistenza socio-sanitaria, oltre a gestire la centrale unica dei servizi alle persone. L’Agenzia avrà un collegio dei revisori contabili, un comitato di indirizzo ed un presidente.

Gli obiettivi del nuovo ente strumentale della Regione Puglia

La nuova agenzia regionale di Protezione Civile Arpro dovrà quindi svolgere tutto quello che la Protezione Civile a livello nazionale non riesce a fare sul territorio. Un braccio operativo importante soprattutto, dopo che ci si è resi conto di quanto questi strutture possano cambiare la vita soprattutto in un periodo così importante. In caso di emergenza, come capitato per il coronavirus, questo aiuto poteva essere fondamentale per salvare la vita delle persone e garantire una serie di servizi a chi si è trovato a dover affrontare la quarantena a causa del Covid 19.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui