Home Puglia Apre OSS2.0 a Cerignola, la sede dell’associazione anche in Puglia

Apre OSS2.0 a Cerignola, la sede dell’associazione anche in Puglia

La sede OSS2.0 a Cerignola mira a sostenere gli Operatori Socio Sanitari pugliesi

OSS2.0 a Cerignola

L’apertura della sede OSS2.0 a Cerignola ha come obiettivo quello di migliorare la professionalità del comparto degli Operatori socio sanitari pugliesi. Nata in Toscana dove è attiva dal 2015, l’associazione apre anche nella regione pugliese e mira a diventare un punto di riferimento vero e proprio per far crescere la professione di Operatore socio sanitario e darle un altro aspetto anche con la promozione di percorsi di formazione studiati apposta per gli iscritti. In un momento così importante per le professioni riguardanti l’ambito sanitario, aver aperto una sede in Puglia rappresenta un sostegno concreto per tutti gli appartenenti alla categoria.

OSS2.0 a Cerignola per rivalutare la figura degli Oss

La decisione di aprire una sede OSS2.0 a Cerignola ha come obiettivo quello di rivalutare la figura degli Oss, che ancora oggi svolgono un ruolo tecnico, ma che hanno dimostrato di avere molto coraggio proprio durante l’emergenza sanitaria. Infatti, anche grazie al loro impegno il Servizio sanitario nazionale ha potuto far fronte all’improvvisa emergenza che ha scatenato panico e confusione. Fra gli operatori ci sono anche quelli che si occupano dell’assistenza domiciliare ai disabili, agli anziani, alle persone fragili, a tutti color che si sentono abbandonati dagli enti istituzionali, e che hanno quindi bisogno di essere aiutati.

OSS2.0 mira a diventare un approdo sicuro

L’OSS2.0 a Cerignola vuole diventare una casa per tutti coloro che necessitano di aiuto e hanno bisogno di un sostegno. Gli operatori socio sanitari che vogliono approfondire tematiche legate alla loro professione come la formazione post base, la legislazione sanitaria e la regolamentazione, possono ricevere un valido aiuto dall’associazione che li affiancherà in tutte le loro esigenze. L’associazione si augura di prendere contatti con gli operatori socio sanitari per proseguire al meglio la loro attività, e di tenerli informati delle loro intenzioni e dei progetti che intendono portare avanti. Le attività di formazione sono già piuttosto consistenti sul territorio regionale e hanno dato già dei buoni risultati.

Exit mobile version