Bari, eucalipti colpiti da un insetto alieno

A Bari gli eucalipti di Picone sono a rischio perché sono attaccati da un insetto molto particolare che proviene dall'Australia

0
105
eucalipti

Da 10 anni a Bari lungo il Viale Salandra e lungo il viale Orazio Flacco si trovano degli Eucalipti molto particolari. Sono un vero e proprio emblema del quartiere Picone. Questi alberi sono in sofferenza a causa di un’infestazione da parassiti. Infatti, sono stati attaccati da un insetto alieno. Sono delle piccole semisfere che si percepiscono anche ad occhio nudo che hanno un colore bianco. È un’infestazione della psilla dell’eucalipto che sta uccidendo queste piante. Si tratta di un parassita alieno che arriva dall’Australia, ma si trova nel sud dell’Italia già da molto tempo o meglio a partire dal 2010.

L’azione dell’insetto australiano sugli eucalipti

L’insetto australiano che si trova nel quartiere di Bari è molto aggressivo. Si stanzia sulle foglie e si vede anche da fuori, creando delle bolle con lo scopo di far seccare l’intera pianta. L’infestazione è molto importante e rischia di mettere a dura prova questi emblemi verdi della città. Sarebbe importante mettere in campo tutte le azioni possibili per salvare queste piante. Alcuni esperti sostengono che sia possibile arginare il problema ad esempio, con l’utilizzo di una serie specifica di disinfezioni. Però sarebbe importante il supporto di tutte le istituzioni.

L’infestazione e le dichiarazioni dell’assessore

In merito all’infestazione nel quartiere Picone dell’insetto alieno, l’assessore al verde pubblico Giuseppe Galasso spiega che ha avuto segnalazioni in merito a questa patologia delle piante della zona. Però per adesso confida nel lavoro dei tecnici per trovare finalmente una soluzione a questo grave problema. Inoltre, ha anche spiegato che sarà importante mettere in campo tutte le azioni necessarie per risolvere questa infestazione il prima possibile. Intanto, in questi mesi la battaglia continuerà sperando che la natura possa attivare dei tempi di reazione rapidi e si possa risolvere questo attacco il prima possibile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui