Chiara Ferragni arriva in Puglia pronta a far rinascere il turismo tramite i social

Chiara Ferragni lancia una sfida al coronavirus, lei e le sue vacanze non si fermano, ecco perchè in questi giorni si è recata in Puglia facendosi notare come in ogni suo viaggio.

Chiara Ferragni al MArTa Taranto

In questo periodo il turismo è il settore più colpito e maggiormente sofferente, si sta cercando di ripartire da zero molto lentamente. Così lasciandosi alle spalle la polemica sulla visita notturna agli Uffizi Chiara Ferragni è arrivata nel territorio pugliese con tanto di jet privato accompagnata dal marito, dando l’esempio a chi ha rinunciato al divertimento per paura.

Chiara Ferragni, dopo la Galleria degli Uffizi si attendono grossi risultati anche in Salento

Chiara Ferragni imprenditrice ed influencer si fermerà qualche giorno nel Salento e dopodichè si attendono importanti numeri. Si può pensare questo prendendo in considerazione il successo che ha ottenuto la Galleria in cui i visitatori sono raddoppiati includendo soprattutto i giovani che in genere con l’arte non hanno un buon rapporto. Il territorio ed il mare pugliese avranno la meglio.

Il turismo quindi è pronto a fare il boom proprio in queste settimane. La Ferragni ha rivelato che saranno giorni molto importanti, straordinari e ricchi di impegni per lei perché ha tanti progetti come per esempio la sfilata Dior avvenuta giorno 22 in Piazza Duomo a Lecce.

Pochi numeri, cresce la speranza dopo la visita dell’influencer

Insomma giorni pazzeschi che la vedranno protagonista delle vacanze pugliesi, che condivide e condividerà di sicuro sui social, dove è seguita da tantissime persone vogliose di scoprire nuove zone e divertirsi possibilmente seguendo l’esempio dell’influencer che anche in questo caso ha fatto tanta pubblicità al territorio.

Questa potrebbe essere una grandiosa opportunità per la Puglia che ha visto arrivare tante prenotazioni nel mese di maggio dopo il termine della quarantena ma che dopo poco sono state annullate. Molti ristoranti, pizzerie e b&b hanno speso parecchi soldi per sanificazioni e per lavorare in regola, ma non stanno riuscendo a vedere cambiamenti e risultati soddisfacenti per la stagione estiva del 2020.