Il Mediterraneo protagonista del progetto culturale “La Rotta di Enea” presentato a Lecce

Il viaggio dell'eroe Enea che trascorse i suoi ultimi giorni a Brindisi, candidato all'itinerario Culturale d'Europa.

0
325
La
La "Rotta di Enea"

LECCE – E’ stato presentato un progetto culturale dove il protagonista è il Mar Mediterraneo. Si chiama “La Rotta di Enea”.

Il convegno dedicato a Virgilio, l’autore dell’Eneide, ha visto la promozione di un progetto culturale che è stato candidato quale nuovo itinerario del Consiglio d’Europa.

Seguendo la rotta intrapresa da Enea e raccontata nel Poema di Virgilio, si desidera rilanciare il Mar Mediterraneo al fine di promuovere il turismo,  la destagionalizzazione e l’economia incentrata sulle attività marittime.

Nel suo viaggio, Enea che andava alla ricerca di una nuova Patria, toccò 5 Paesi e il primo approdo fu proprio la Puglia.

Il convegno che sarà presentato a Lecce è stato organizzato dall’’Associazione Rotta di Enea e dalla Regione Puglia, in collaborazione con la Camera di Commercio di Brindisi e Assonautica.

Interverranno Paolo Fedeli, accademico dei Lincei, il presidente dell’associazione Rotta di Enea, la vicepresidente del Congresso dei poteri locali del Consiglio d’Europa Barbara Toce, l’assessore regionale alla cultura, Loredana Capone, Giovanni Cafiero.

La Rotta di Enea che tocca 5 Paesi nel Mediterraneo diventa un percorso culturale

Il viaggio di Enea tocca i luoghi più amati del Mediterraneo e si snoda in 21 tappe principali tra l’Italia, la Turchia, la Grecia, l’Albania e la Tunisia.

Enea, dopo la sua sosta in Albania, arriva in Italia e precisamente in Puglia.
Questo è il momento in cui nel poema ci si concentra sull’Italia meridionale, il mar Adriatico e il Tirreno.

L’approdo in Puglia, riguarda l’attuale Castro, una piccola città del Salento, l’antica Castro Minervae. Il primo approdo in Italia di Enea fu proprio qui, da cui parte il percorso proposto dal progetto con l’obiettivo di rilancio del Mediterraneo.

Oggi questo percorso diventa un progetto dove protagonista è il Salento e tutto il Mar Mediterraneo.

All’aspetto culturale dell’iniziativa, si vuole conciliare lo sviluppo economico delle attività marittime e anche l‘aspetto turistico, con la destagionalizzazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui