Puglia, bimba di 18 mesi della Georgia salvata da tumore inoperabile

Alla piccola era stato diagnosticato un tumore inoperabile in Georgia, a breve verrà dimessa dall’ospedale

Tumore al pancreas inoperabile: salvata donna al Miulli

Ha appena 18 mesi la piccola Sesili a cui era stato diagnosticato un tumore inoperabile in Georgia. La piccola è stata operata alla Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, dove era giunta a fine marzo. La diagnosi effettuata nello stato americano prevedeva una difficoltà visiva causata da una massa nel cervello. Lo staff del nosocomio ha provveduto a fare delle analisi e degli approfondimenti, e ha accertato che il tumore occupava circa 1/4 del volume totale del cervello. Il direttore della Neurochirurgia Leonardo Gorgolione ha invece deciso di operare subito la piccola. Sesili è stata sotto l’intervento per circa 10 ore.

Operazione su un tumore inoperabile, Sesili oggi sta bene

Il medico ha detto che la lunga durata dell’intervento è stata necessaria in quanto il tumore partiva dall’ipotalamo e interessava tutti i vasi del poligono di Willis. Alfredo Del Gaudio, direttore di Anestesia e Rianimazione, ha sottolineato che il tumore, per la sua posizione, comprimeva l’ipofisi, la ghiandola endocrina più importante del cervello che dirige tutte le altre. Il direttore ha anche aggiunto che hanno lavorato in Terapia Intensiva durante questo ultimo mese per riequilibrare il metabolismo dei liquidi alterato ed evitare che la piccola si disidratasse. Prima di dimettere la piccola i medici devono stabilizzare tutti i parametri vitali e rimetterli in equilibrio.

I genitori hanno ringraziato i medici e i sanitari

I genitori di Sesili hanno ringraziato tutti coloro che hanno lavorato per rendere possibile l’operazione di un tumore inoperabile e per tutto quanto stanno facendo per la loro bambina. Il loro grazie è andato alla Regione Puglia, alla Direzione Generale dell’Ospedale, ai medici, agli infermieri, agli operatori socio sanitari e a tutti coloro che sono stati accanto a loro in questo periodo di pandemia, quando potevano vedere la bambina per qualche ora. piccola solo per poche ore. Il pericolo di morte è stato scongiurato, ora per la bambina ci sono nuove prospettive di vita.