Quarantena obbligatoria, il diktat in Puglia

Quarantena obbligatoria in Puglia per coloro che tornano da Malta, dalla Grecia e dalla Spagna a partire da mercoledì 12 agosto

0
109
quarantena
Riconoscimento editoriale: mohamed Hassan / Pixabay.com

Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha deciso che coloro che tornano da Malta, Grecia e Spagna, che devono fare la quarantena obbligatoria per almeno 14 giorni. Parliamo del cosiddetto isolamento fiduciario. Questa decisione è avvenuta dopo che i tanti casi positivi al coronavirus si sono verificati soprattutto tra i giovani rientrati in Puglia dopo essere stati in vacanza in questi Paesi. L’ordinanza serve a cercare di contenere il contagio da Coronavirus che in questo periodo sta raggiungendo dei livelli più alti di quelli che invece, si erano verificati in questi ultimi giorni di vacanze.

Chi deve fare la quarantena obbligatoria

Secondo l’ordinanza del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, tutti coloro che tornano da Malta, dalla Grecia e dalla Spagna dovranno fare la quarantena obbligatoria. A partire dal 12 agosto, chi entra presso la propria abitazione sia con mezzi di trasporto privati che pubblici, deve segnalare l’arrivo e rendere le informazioni richieste. Vi è infatti un apposito modulo di autosegnalazione che si può scaricare direttamente sul sito istituzionale della Regione Puglia. È necessario poi, non fare altri viaggi e spostamenti, Inoltre, bisogna informare l’autorità territorialmente competente. È necessario anche andare a segnalare l’arrivo è di restare raggiungibili per eventuali attività di sorveglianza.

La chiusura parziale della Puglia

La Regione Puglia ha preso questa decisione di optare per la quarantena obbligatoria è proprio, per cercare di salvaguardare la salute dei cittadini e soprattutto, per contenere i contagi che in questo periodo stanno aumentando a dismisura. La decisione è arrivata anche a malincuore, non è stata presa in maniera del tutto positiva dai cittadini del comprensorio ma del resto, c’è ben poco altro su cui discutere se si vuole salvaguardare la salute dei cittadini.
 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui