Home Puglia I sindacati chiedono di rinviare la riapertura delle scuole in Puglia

I sindacati chiedono di rinviare la riapertura delle scuole in Puglia

La richiesta dei sindacati alla regione Puglia è chiara, bisogna rinviare la riapertura delle scuole.

L’incontro in videoconferenza avvenuto nella giornata del 3 gennaio tra il governatore Michele Emiliano, gli assessori Pierluigi Lopalco, Sebastiano Leo e Anita Maurodinoia si è concluso con una richiesta specifica da parte dei sindacati. Tutti hanno chiesto all’unanimità di rinviare la riapertura delle scuole nella regione, quindi la data prevista per il 7 gennaio non dovrebbe essere tenuta in considerazione. Le lezioni in presenza dovrebbero quindi essere posticipate di una settimana o addirittura 15 giorni, e per tutti gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado la soluzione migliore sarebbe quella di far partire la dad.

Rinvio della riapertura delle scuole, Emiliano valuterà

All’incontro in videoconferenza ha partecipato anche la direttrice dell’Ufficio scolastico regionale Anna Cammalleri. Il governatore della regione Puglia Michele Emiliano ha risposto che valuterà la proposta dei sindacati di rinviare la riapertura delle scuole in tutto il territorio, e deciderà a seconda delle indicazioni che nelle prossime ore dovrebbero giungere dal governo. Il presidente ha comunque detto che sarà data priorità alle famiglie e agli studenti se scegliere la dad oppure le lezioni in presenza.

Collaborazione costruttiva fra istituzioni scolastiche e regione

Alla fine della riunione il presidente Emiliano e i componenti della giunta hanno ringraziato i sindacati e l’ufficio scolastico regionale per avere partecipato e per avere affrontato con grande responsabilità la questione riguardante la riapertura delle scuole nella regione. Emiliano ha anche aggiunto che la collaborazione costruttiva fra la regione Puglia e le istituzioni scolastiche porterà a soluzioni concrete e risolutive. La disponibilità a prendere parte alle riunioni anche di domenica dimostra come da parte di tutti ci sia l’impegno e la volontà di dare il proprio contributo per dare risposte adeguate ed eque, nell’interesse della collettività.

Exit mobile version